Erbe e spezie sui cibi e pressione sanguigna, risultati “entusiasmanti” in nuovo studio

Credito: Ajale, Pixabay, 5601927

Un nuovo studio realizzato alla Penn State, suggerisce che le erbe e le spezie aggiunte agli alimenti possono essere considerate come un’arma di contrasto efficace per una pressione sanguigna troppo alta.[1] Lo studio è stato pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition.[2]

Aromatizzazione degli alimenti con erbe e spezie

Come riferiscono gli autori dello studio, già diverse linee guida dietetiche in alcuni paesi raccomandano l’aromatizzazione degli alimenti con erbe e spezie, in particolare per diminuire l’assunzione del sale. Uno studio in precedenza aveva già suggerito che le erbe e le spezie potevano ridurre l’escrezione urinaria di sodio mentre un altro studio aveva dimostrato che le stesse spezie possono essere “un sostituto accettabile per gli zuccheri aggiunti”.[2]
E ancora un altro studio aveva mostrato che usare le erbe le spezie come condimento per le verdure può aumentare la scelta delle stesse verdure nelle mense universitarie e scolastiche. [2]

I partecipanti

Nel nuovo studio i ricercatori hanno reclutato 71 partecipanti con un’età compresa tra i 30 e i 75 anni con alcuni fattori di rischio per le malattie cardiache (glicemia elevata, colesterolo HDL basso, trigliceridi elevati, ipertensione arteriosa, colesterolo LDL elevato, livelli elevati di proteina C-reattiva ad alta sensibilità).
I ricercatori sottoponevano i partecipanti ad una dieta americana media con l’aggiunta di erbe e spezie come condimento per diversi alimenti. Li dividevano in tre gruppi in base alla quantità di erbe e spezie: un gruppo a basso dosaggio (0,5 g al giorno), un gruppo a dosaggio moderato (3,3 g al giorno) e un gruppo ad alto dosaggio (6,6 g al giorno). Le diete venivano portate avanti per quattro settimane.

Le spezie utilizzate

Le erbe e le spezie utilizzate nel corso dell’esperimento erano diverse, si andava dalla cannella a vari tipi di peperoncino per finire con i più “mediterranei” prezzemolo, aglio e basilico.

  • Cannella
  • Coriandolo (semi di coriandolo)
  • Zenzero
  • Cumino
  • Prezzemolo
  • Pepe nero
  • Aglio
  • Curcuma
  • Cipolla in polvere
  • Paprika
  • Peperoncino in polvere (polvere di chili)
  • Rosmarino
  • Cilantro (foglie di coriandolo)
  • Origano
  • Basilico
  • Peperoncino rosso (red pepper)
  • Timo
  • Foglia d’alloro
  • Cardamomo
  • Semi di sesamo
  • Salvia
  • Semi di papavero
  • Aneto
  • Pimento (pepe della Giamaica)

Risultati

I ricercatori scoprivano che i soggetti della dieta con una dose alta di erbe e spezie mostravano una pressione sanguigna sistolica più contenuta rispetto ai soggetti con la dose media. Scoprivano anche che i soggetti della dose alta mostravano una pressione sanguigna diastolica più bassa dei soggetti con una dose bassa.

Diete differivano solo per quantità di erbe e spezie

Si ricorda che le diete erano le stesse: differivano solo per la quantità di erbe e spezie aggiunte agli alimenti: “Non abbiamo diminuito il sodio, non abbiamo aumentato frutta e verdura, abbiamo solo aggiunto erbe e spezie. La domanda successiva è: e se cambiassimo la dieta in questi modi, quanto sarebbero migliori i risultati?”, si domanda Penny Kris-Etherton, professoressa di scienze nutrizionali alla Evan Pugh University che ha realizzato lo studio insieme alla professoressa Kristina Petersen della Texas Tech University e ad altri colleghi della Penn State. Proprio per il fatto che non sono state effettuate modifiche alle diete, a parte l’aggiunta delle erbe e delle spezie, la stessa Kris-Etherton definisce questi risultati come “particolarmente entusiasmanti”. [1]

Articoli correlati


Tag

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un blog, non un sito di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Dati articolo

Informazioni su Genni Pettorino 4435 Articoli
Ciao, sono l'amministratore del sito. Per contattarmi puoi usare questa pagina: Contatti