Esaminano anelli di accrescimento dei pali delle palafitte e calcolano età di villaggio neolitico macedone

I ricercatori hanno prelevato campioni dei pali delle palafitte piantati sul fondo di una delle sponde del lago di Ohrid, Macedonia, per datare i primi insediamenti (credito: Marco Hostettler)

Esaminando con precisione la datazione delle prime palafitte montate sulle rive del lago di Ohrid (o Ocrida), Balcani sud-occidentali, un team di ricercatori ha calcolato che i primi insediamenti in quest’area sono nati a metà del V millennio a.C..
Si tratta di un sito importante perché qui si è stanziata una delle prime comunità d’Europa che si è dedicata stabilmente all’agricoltura.
I ricercatori hanno analizzato i pali di legno con cui queste palafitte erano state costruite, in particolare i pali che facevano da fondamenta e che risultavano ancora piantati sul fondo poco al largo della sponda macedone del lago.

Pali conservatisi in maniera eccellente

Sezioni di questi pali di legno, infatti, si sono conservate in maniera eccellente grazie alla relativa mancanza di ossigeno dell’acqua, cosa che ha permesso agli stessi pali di non restare corrosi a causa dei batteri o dei funghi.
I ricercatori hanno potuto dunque eseguire esami dendrocronologici degli anelli di accrescimento dello stesso legno. Datando col metodo al radiocarbonio l’età del legno, dunque, sono riuscite a datare l’epoca in cui queste palafitte sono state costruite.

Strato di materiale organico sul fondo

I ricercatori hanno analizzato anche uno strato di materiale perlopiù organico sul fondale lacustre che si estendeva fino a 1,7 m di spessore. Secondo i ricercatori questo materiale organico, perlopiù fatto di resti durevoli vegetali, si è accumulato durante l’occupazione neolitica verso la metà del V millennio a.C. a causa della pesante erosione del fondo del lago stesso.
Mentre i vegetali che crescevano sul fondo del lago si dissolvevano e morivano, i loro resti durevoli si accumulavano ai livelli inferiori. A testimoniare l’erosione del fondo del lago c’è anche l’elevata quantità di frammenti ceramici, di utensili in pietra e di ossa di animali trovati sul fondo che, nel corso del tempo, hanno eroso la superficie del fondo del lago.
I pali rimasti impiantati sul fondo risultavano incorporati in questo strato organico ad alta densità di resti vegetali macroscopici.

Esaminati circa 800 pali delle palafitte

La ricerca, eseguita dai ricercatori dell’Università di Berna, ha visto questi ultimi datare circa 800 pali. I risultati vengono poi descritti in uno studio apparso sul Journal of Archaeological Science.
Le conclusioni mostrano che l’insediamento della baia di Ploča Mičov Grad, nei pressi della città di Ohrid, Macedonia, ha visto la costruzione di queste palafitte in diverse fasi nel corso di migliaia di anni. Le prime sono state costruite nel pieno del neolitico, verso la metà del V millennio a.C.. Le costruzioni sono poi continuate fino all’età del bronzo, all’incirca fino al II millennio a.C.

Condizioni climatiche fresche ed umide

Secondo i ricercatori i primi gruppi che si insediarono in quest’area affrontarono condizioni climatiche fresche ed umide, condizioni che li costrinsero ad adattare le loro pratiche agricole. In generale quest’area ha svolto un ruolo di primo piano per quanto riguarda la proliferazione dell’agricoltura in tutta Europa. Proprio in questo luogo vivevano i primi veri agricoltori d’Europa.

Importanza dell’insediamento sul lago di Ohrid

L’importanza dell’insediamento sul lago di Ohrid viene sottolineata da Albert Hafner, uno degli autori dello studio: “Le palafitte intorno alle Alpi sono state considerate patrimonio mondiale dell’UNESCO dal 2011 e gli insediamenti delle zone umide nei Balcani sud-occidentali non sono meno significativi”.
Si tratta di siti, questi dell’area balcanica, finora poco studiati ma che presentano una conservazione a livello organico eccellente. Siti simili, inoltre, non si trovano solo sulla sponda settentrionale macedone del lago ma anche su quella occidentale albanese. I ricercatori intendono eseguire studi simili anche su quest’ultima sponda.

Note e approfondimenti

  1. First absolute chronologies of neolithic and bronze age settlements at Lake Ohrid based on dendrochronology and radiocarbon dating – ScienceDirect (IA) (DOI: 10.1016/j.jasrep.2021.103107)

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Data articolo