Escherichia coli, è la scarsa igiene in bagno a diffondere ceppi più pericolosi secondo studio

È la scarsa igiene, in particolare di ambienti quali i bagni, piuttosto che il cibo contaminato oppure la carne poco cotta ad agevolare la diffusione dei batteri Escherichia coli sempre più resistenti agli antibiotici secondo un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Università dell’Anglia Orientale.

L’Escherichia coli è un batterio che è presente sostanzialmente in tutti gli intestini umani, così come in quelli della maggior parte dei mammiferi. Alcuni ceppi di essi possono causare un’intossicazione oppure un’infezione, ad esempio del tratto urinario o a seguito di un intervento chirurgico intestinale. Nei casi più gravi si possono avere anche infezioni del flusso sanguigno.
L’Escherichia coli sta diventando un problema sempre più pressante per il mondo medico in quanto sta diventando sempre più resistente agli antibiotici e il livello di tale resistenza sta accelerando negli ultimi anni. Ciò riguarda sia gli uomini che gli animali, in particolare quelli allevati.
Ad attrarre maggior perequazione sono i ceppi con beta-lattamasi a spettro esteso (ESBL), enzimi che contrastano l’azione di molti antibiotici come penicillina o cefalosporina.

Secondo lo studio, apparso su The Lancet Infectious Diseases, i ceppi di batteri di Escherichia coli resistenti ai antibiotici provenienti da campioni di sangue umano, da feci o dalle fogne sono simili tra loro mentre i ceppi provenienti dalla carne, principalmente di pollo e di bovini, o da liquami e rifiuti animali, sono diversi da quelli che infestano l’uomo. In sostanza, secondo i ricercatori, ci sono pochi incroci di Escherichia coli con ESBL dagli animali all’uomo.

I ricercatori hanno confrontato campioni di sangue umano effetti da Escherichia coli con ESBL con quelli di feci umane, liquami, cibo e rifiuti di animali provenienti da cinque regioni del Regno Unito.
David Livermore, ricercatore della Norwich Medical School e autore principale dello studio, dichiara: “Abbiamo esaminato oltre 20.000 campioni fecali e circa il 9% era positivo per ESBL- E. coli in tutte le regioni, ad eccezione di Londra, dove il tasso di trasporto era quasi doppio – al 17%. Abbiamo trovato ESBL- E. coli nel 65% dei campioni di pollo al dettaglio, che vanno da poco più del 40% in Scozia a oltre l’80% nell’Inghilterra nord-occidentale. Ma i ceppi di E. coli resistenti erano quasi completamente diversi dai tipi trovati nelle feci umane, nelle acque reflue e nelle infezioni del flusso sanguigno”.

Secondo il ricercatore ciò mostra che la maggior parte dei ceppi con ESBL che si sono adattati agli umani e che causano gravi infezioni non provengono dalle carni acquistate. Più probabilmente le vie di trasmissione avvengono da umano a umano, ad esempio tramite particelle fecali di una persona che raggiungono la bocca di un’altra.

Secondo il ricercatore, nel caso di Escherichia coli con ESBL è molto più importante lavarsi le mani dopo essere andati in bagno piuttosto che porre attenzione alla cottura dei cibi (anche se si deve comunque continuare a cuocere bene la carne per evitare comunque contaminazioni).
Secondo il ricercatore ciò è è importante soprattutto nelle strutture pubbliche, in particolar modo nelle case di cura, in quanto la maggior parte delle infezioni gravi da Escherichia coli si verifica proprio tra gli anziani.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook