Escherichia coli utilizzabile per creare biocarburanti in modo economico

La ricercatrice Tatiana Mello (credito: LSU College of Engineering)

Un gruppo di ricerca brasiliano sta prendendo in considerazione l’utilizzo dell’Escherichia coli, un batterio considerato come mortale per l’uomo, onde produrre bioprodotti tra cui i biocarburanti. Proprio per questo tentativo la dottoressa di ingegneria meccanica Tatiana Mello di Piracicaba, in Brasile, ha attirato l’attenzione di molti, non solo colleghi, tanto che è stata invitata anche alla National Biodiesel Conference and Expo a San Diego il mese scorso.

Secondo la Mello questo batterio è economico e abbondante e può essere modificato geneticamente per sostituire materie prime come quello che resta dalla produzione alimentare della soia e dell’olio di mais che viene utilizzato per produrre il biodiesel.
Oltre ai biocarburanti, la scienziata ha intenzione di produrre, con questo batterio, anche plastica, polimeri e prodotti farmaceutici.

In particolare ha intenzione di utilizzare il malonil-CoA, una particolare molecola che si trova anche nei batteri all’interno del corpo umano e che svolge un ruolo fondamentale nella biosintesi degli acidi grassi. La ricercatrice dichiara di avere un metodo che funziona e sta aspettando partner del settore che credano nel suo progetto e, naturalmente, lo finanzino.

Fonti e approfondimenti

Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Dati articolo