Evoluzione dell’orecchio medio dei mammiferi è sorprendente

Rappresentazione artistica del Vilevolodon diplomylos (credito: Sarah Shelley)

Uno studio si è concentrato sull’evoluzione dell’orecchio medio dei mammiferi giungendo ad una conclusione che, nel comunicato stampa relativo allo studio stesso, vengono definite come sorprendenti. L’evoluzione delle ossa dell’orecchio medio, piccoli ossicini alla base dello stesso apparato uditivo, dei mammiferi odierni è sempre stata a una sorta di enigma per gli scienziati.

I ricercatori hanno studiato un nuovo esemplare fossile di aramiidi (Haramiyida), uno gruppo di terapsidi estinto vissuto tra 216 e 65 milioni di anni fa. Si tratta di un esemplare di Vilevolodon diplomylos, una sorta di scoiattolo volante odierno. I ricercatori hanno cercato di comprendere come gli ossicini in questi parenti stretti dei mammiferi si siano poi attaccati alla mascella inferiore funzionando praticamente insieme ad essa, utilissima per la masticazione che per l’udito.

In altri mammiferi, infatti, questi ossicini, a seguito dell’evoluzione, hanno poi avuto un ruolo solo per le funzioni uditive. Utilizzando immagini tomografie computerizzate dei resti fossili dell’orecchio medio del Vilevolodon diplomylos, i ricercatori li hanno trovati molto simili a quelli dei monotremi odierni (mammiferi che depongono uova). Secondo i ricercatori si tratta di un’evoluzione convergente perché gli
Aramiidi e i monotremi odierni non sono strettamente correlati.

“Sebbene separate da 160 milioni di anni di tempo geologico, è notevole quanto queste ossa siano simili tra i Vilevolodon e i monotremi viventi, l’ornitorinco e l’echidna. La conservazione di questi ossicini nel fossile è sorprendente; l’incudine misura poco più di un millimetro”, spiega John Wible, uno dei ricercatori che ha realizzato lo studio insieme ai colleghi Sarah Shelley e Shundong Bi.
Il martello e l’incudine dei monotremi, a seguito di questa analisi, vengono dunque considerati dai ricercatori uno stadio evolutivo tra quegli animali con ossicini attaccati e funzionanti con la mascella inferiore del passato e quelli in cui gli ossicini funzionano solo per l’udito.

Approfondimenti

Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Dati articolo