Falene sono importantissime impollinatrici notturne al pari delle api

Credito: 250432 via Pixabay, 362676

Le falene sono importantissime impollinatrici notturne secondo un nuovo studio apparso su Biology Letters nel quale questi insetti vengono descritti come importanti anche per sostenere i raccolti agricoli. Inoltre le reti di trasporto del polline delle falene risulterebbero più grandi e più complesse anche di quelle degli impollinatori diurni.
Secondo quanto hanno accertato ricercatori, questi insetti volanti sono capaci di trasportare il polline da un numero maggiore di piante verso altre e si dedicano a questa attività anche nei confronti di piante che non sono di solito visitate da impollinatori molto più noti quali api, farfalle e sirfidi.

E ancora, il polline non si depositerebbe tanto nella zona della proboscide, come ci si aspetterebbe, ma soprattutto sul torace e ciò consentirebbe un’azione di cattura del polline più efficiente.
Secondo quanto dichiara Richard Walton, ricercatore del Dipartimento di Geografia dell’University College di Londra, quello delle falene è un ruolo ecologico molto importante, probabilmente molto di più di quanto mai calcolato in precedenza. Questi animali forniscono un sostegno importante alla biodiversità tanto che molte altre specie, sia animali che vegetali, risulterebbero a rischio senza la loro attività.

Per giungere alle proprie conclusioni, i ricercatori hanno analizzato le attività notturne delle falene nei pressi di nove corpi d’acqua situati intorno all’area di Norfolk, Inghilterra. In totale hanno seguito 838 falene e hanno scoperto almeno sette diverse specie di piante frequentate dalle falene che non erano state quasi mai visitate da altre tipologie di insetti impollinatori.

La deposizione del polline sul torace, anziché sulla zona della proboscide, avviene perché le falene tendono a “sedersi” sul fiore nel corso dell’alimentazione. La zona pelosa del torace arriva dunque a toccare gli organi produttivi della pianta e il polline si attacca in quantità relativamente grosse sul torace per poi staccarsi durante le visite successive agli altri fiori.

Lo studio è importante anche perché diverse ricerche precedenti hanno dimostrato che le popolazioni di falene stanno diminuendo in tutto il mondo e ciò risulta preoccupante.
Probabilmente molta più attenzione si è posta sulle api ma in realtà le falene notturne, che contano molte più specie delle api, sono state trascurate in tal senso nonostante il loro ruolo possa essere considerato come unico e importantissimo, probabilmente al pari delle api stesse.

Infatti se le api e i bombi sono capaci di trasportare più polline, essi di solito preferiscono quelle piante e quei fiori più prolifici in termini di offerta di nettare. Le falene, al contrario, potrebbero sembrare meno efficaci ma la loro diversità e la loro abbondanza sono fondamentali per l’impollinazione di molte piante che probabilmente si affidano quasi esclusivamente alle falene per riprodursi.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook