Farmaco per l’Alzheimer può stimolare i sogni lucidi

Un gruppo di scienziati crede di aver trovato un sistema per stimolare i cosiddetti “sogni lucidi”, in sostanza la capacità di poter controllare i sogni o perlomeno la capacità di capire che ci si trova in un sogno e quindi di regolare le proprie emozioni durante la fase REM.

E la scoperta sarebbe avvenuta per caso dopo che si è scoperto che un farmaco normalmente usato per curare l’Alzheimer può creare uno stato di sogno lucido. Si tratta della galantamina che, tra l’altro, è usata anche per contrastare la distrofia muscolare nonché altri disturbi del sistema nervoso centrale.

Nel corso degli esperimenti utilizzando un placebo il 14% dei pazienti dichiarava di aver avuto sogni lucidi mentre il 27% dei pazienti a cui era stata iniettata una dose di 4 mg di galantamina dichiarava di aver avuto sogni lucidi. Aumentando la quantità ad 8 mg, tale percentuale saliva a ben il 42%, aumenti che mostrano abbastanza chiaramente l’effetto del farmaco per quanto riguarda i sogni.

Secondo lo studio, tale farmaco riuscirebbe ad avere effetti sull’attività del recettore colinergico durante il sonno REM. A questo si unisce anche la caratteristica del farmaco relativa alla funzione della memoria, che viene lievemente aumentata dopo l’assunzione.
Secondo lo studio, chi assumeva il farmaco sperimentava una netta chiarezza cognitiva e una vividezza sensoriale durante il sogno. Per quanto riguarda gli effetti collaterali, questi ultimi risulterebbero minimi.

Fonti e approfondimenti



Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”


Commenta per primo

Rispondi