Femmina di una specie di mantide cannibalizza maschio prima dell’accoppiamento: non ne ha bisogno

Maschio di Miomantis caffra (pubblico dominio, autore: Richard001, commons)

Molte specie di mantidi religiose hanno una modalità di accoppiamento abbastanza particolare che, nel 60% dei casi, finisce con la femmina che mangia il maschio ancor prima dell’inizio dell’atto stesso. Ed è proprio per questo che i maschi sono soliti scegliere la femmina con la quale accoppiarsi con estrema cura e molte volte distraggono la femmina stessa prendendola di soppiatto oppure facendolo trovare uno spuntino poco prima dell’inizio dell’accoppiamento, giusto per distrarla e tenere a bada la fame.

Un nuovo studio apparso sulla rivista Biology Letters prende in considerazione proprio questa caratteristica, definita “cannibalismo sessuale pre-copulatorio”, che si rivela molto pronunciata in una specie di mantide, la Miomantis caffra, originaria dell’Africa meridionale ma diffusasi anche in Nuova Zelanda nonché in varie aree dell’Europa meridionale e della California.
In questa specie si va oltre: prima dell’accoppiamento eventuale le due parti entrano in un vero proprio conflitto fisico con una lotta violenta che si scatena tra il maschio la femmina, uno scontro in cui ognuno cerca di essere il primo ad afferrare l’altro con le rapaci e potenti zampe anteriori.

Se sono i maschi a riuscire ad eseguire la presa, non uccidono le femmine, le feriscono con gli arti anteriori facendo perdere loro emolinfa e quindi rendendole più deboli e atte ad accettare l’accoppiamento stesso.
Se sono le femmine a vincere questo scontro, mangiano il maschio, acquisendo importanti nutrienti. Il fatto è che le femmine non hanno bisogno di accoppiarsi per replicarsi: possono infatti riprodursi asessualmente producendo dei veri e propri cloni di se stessi nel caso non riescano ad accoppiarsi.

Ora la domanda sorge però spontanea, come riferisce alla AFP l’autore principale dello studio Nathan Burke, un entomologo dell’Università di Auckland, esperto dell’accoppiamento tra le mantidi: se la femmina riesce replicarsi da sola e non ha bisogno del maschio perché in questa specie il maschio esiste ancora? È proprio per questo che il ricercatore sta continuando a studiare questa specie magari per acquisire ulteriori importanti informazioni che possano dare una risposta a questa domanda.

Approfondimenti

Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Dati articolo