Film dell’orrore possono aiutare a superare stress causato da pandemia secondo ricercatore

Una scena del film Contagion. Secondo il ricercatore film come questi hanno aiutato diverse persone a superare lo stress causato dalla pandemia.

Nonostante possa sembrare strano, uno studente del Dipartimento di Sviluppo Umano Comparato dell’Università di Chicago, Coltan Scrivner, suggerisce che guardare film dell’orrore potrebbe aiutare ad essere meno ansiosi, ad esempio le confronti dell’attuale pandemia in corso.
“Se parli con i fan dell’horror o leggi forum dell’orrore”, ha detto, “vedrai centinaia di esempi aneddotici di persone che parlano di come usano l’orrore per affrontare una varietà di cose, tra cui ansia, depressione e traumi”, spiega il ricercatore che ha inteso trovare la ragione di tutto ciò.

Secondo Scrivner anche in questo caso ciò può essere spiegabile con l’evoluzione: la curiosità, a volte anche morbosa, di conoscere gli aspetti più pericolosi di quello che stai guardando, e dunque del tuo ambiente, si rivelava infatti essenziale per evitare queste stesse situazioni poi nel futuro e in generale per acquisire conoscenze ed informazioni molto utili per la sopravvivenza.
Lo stesso discorso, almeno a livello psicologico, si può fare con la pandemia di COVID-19 in corso. La cosa è spiegata anche dal fatto che quando la pandemia è scoppiata, il film Contagion, che mostra una trama molto simile a quello che poi è successo in questi mesi, è diventato molto velocemente uno dei film più visti negli Stati Uniti.

Secondo il ricercatore, le persone che hanno guardato film come Contagion durante questi mesi di pandemia hanno riportato livelli più bassi di ansia.
“Abbiamo testato qualcosa chiamato ipotesi di simulazione del calvario con i fan dell’horror”, spiega ancora Scrivner. “L’idea è che, poiché hanno simulato cose come questa prima, sono un po ‘più preparati o meglio in grado di affrontare la cosa reale”.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook