Fiume nascosto trovato accanto a piramidi: ecco come egizi trasportavano pietre

In una scoperta rivoluzionaria, un team di ricercatori ha identificato un antico affluente del fiume Nilo, scomparso da secoli, che una volta fluiva vicino a una serie di oltre 30 piramidi in Egitto. Questa rivelazione offre una spiegazione a lungo cercata riguardo il trasporto dei massicci blocchi di pietra impiegati nella costruzione di queste maestose strutture. Il ramo, esteso per 64 chilometri e ormai sepolto sotto le sabbie del deserto e le colture agricole, è stato scoperto grazie all’impiego di radar satellitari e analisi geofisiche. Questo ritrovamento non solo illumina aspetti inediti della storia egizia ma risolve anche un enigma che ha perseguitato gli storici per generazioni.

Il ruolo del ramo di Ahrmat

Il ramo di Ahrmat, recentemente scoperto, che prende il nome dalle piramidi, correva lungo il complesso piramidale di Giza e altri siti antichi, fornendo un corso d’acqua cruciale per lo spostamento dei materiali da costruzione. Gli antichi egizi probabilmente usavano questo ramo del fiume come via di trasporto, facilitando la costruzione delle iconiche piramidi lungo questa striscia ormai deserta.

Cambiamenti ambientali nella valle del Nilo

La Valle del Nilo ha subito notevoli cambiamenti ambientali nel corso dei millenni. Durante il periodo umido africano, il Sahara era un ambiente lussureggiante con molteplici sistemi fluviali. Quando il clima si asciugò, le persone migrarono verso la valle del Nilo, stabilendosi lungo la sua pianura alluvionale. Questi cambiamenti nelle dinamiche del paesaggio e del fiume hanno influenzato i modelli di insediamento e la costruzione di strutture monumentali come le piramidi.

Implicazioni per il patrimonio egiziano

I risultati pubblicati su Communications Earth & Environment[1] forniscono una comprensione più profonda dell’antico paesaggio idrologico dell’Egitto. La mappatura del ramo di Ahrmat aiuta a individuare gli antichi insediamenti e informa gli sforzi di conservazione. Questa scoperta sottolinea l’importanza di integrare indagini radar e geofisiche per scoprire aspetti nascosti dei paesaggi storici, offrendo approfondimenti sulla vita quotidiana degli antichi egizi e migliorando la protezione del patrimonio culturale.

FAQ

Cosa hanno scoperto i ricercatori?

Hanno scoperto un antico ramo del Nilo, che hanno chiamato “ramo Ahramat”, che scorreva accanto a più di 30 piramidi in Egitto.

Come hanno identificato il ramo del fiume?

Hanno utilizzato immagini radar satellitari e dati geofisici per mappare il corso nascosto del fiume.

Perché è importante questa scoperta?

La scoperta spiega come gli antichi egizi trasportavano i blocchi di pietra per costruire le piramidi.

Qual è la lunghezza del ramo del fiume scoperto?

Il ramo del fiume scoperto è lungo 64 chilometri.

Quali tecniche sono state utilizzate per la scoperta?

Sono state utilizzate tecniche di telerilevamento, geofisica e carotaggio profondo del suolo.

Quale periodo storico riguarda la scoperta?

La scoperta riguarda principalmente il periodo del Regno Antico e Medio, circa 4.700 a 3.700 anni fa.

Qual è il significato del ramo Ahramat per l’antica civiltà egizia?

Il ramo Ahramat potrebbe aver facilitato il trasporto di materiali e persone, giocando un ruolo cruciale nella costruzione delle piramidi.

Quali sono le implicazioni future di questa scoperta?

La scoperta aiuterà a proteggere il patrimonio culturale egiziano e fornirà indicazioni per future indagini archeologiche.

Approfondimenti

  1. The Egyptian pyramid chain was built along the now abandoned Ahramat Nile Branch | Communications Earth & Environment
Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Dati articolo