Fiumi dell’Alaska stanno diventando arancioni

Immagine creata da AI.

I fiumi e i torrenti incontaminati dell’Alaska si stanno trasformando dal blu cristallino all’arancione torbido, probabilmente a causa dei minerali esposti dallo scongelamento del permafrost. [1] Lo rivela uno studio pubblicato su CommunicationsEarth & Environment[2] che ha coinvolto varie istituzioni tra cui il National Park Service e l’UC Davis, ha documentato e campionato 75 località colpite nella Brooks Range, nel nord dell’Alaska. Questi cambiamenti potrebbero avere implicazioni significative per quanto concerne l’acqua potabile e la pesca.

Visibile dallo spazio

I ricercatori hanno notato per la prima volta il problema nel 2018, quando un fiume precedentemente limpido è diventato arrugginito. L’autore principale Jon O’Donnell ha osservato che alcuni siti somigliavano a succo d’arancia lattiginoso, che può essere tossico e ostacolare la migrazione dei pesci. I fiumi scoloriti sono così evidenti che sono visibili dallo spazio, come notato da Brett Poulin, assistente professore di tossicologia ambientale alla UC Davis.

Scongelamento del permafrost e dell’acqua acida

Un’ipotesi suggerisce che lo scongelamento del permafrost rilasci minerali nell’acqua. I minerali metallici esposti reagiscono con l’acqua e l’ossigeno, provocando il rilascio di acido e metalli, alterando significativamente il pH dell’acqua. I campioni iniziali hanno mostrato un pH pari a 2,3, molto al di sotto del pH tipico di 8, con livelli elevati di ferro, zinco, nichel, rame e cadmio.

Implicazioni più ampie e ricerca futura

Il problema si sta diffondendo, colpendo gli habitat, la qualità dell’acqua e le comunità locali che dipendono da questi fiumi per l’acqua potabile e la pesca. Mentre il clima continua a riscaldarsi, più corsi d’acqua, presenti in ambienti simili, potrebbero degradarsi e subire lo stesso destino. Proprio per questo sarebbero necessarie ulteriori ricerche per comprendere la portata del problema e sviluppare strategie per mitigarne gli impatti.

FAQ

Perché i fiumi dell’Alaska stanno diventando arancioni?

I fiumi dell’Alaska stanno diventando arancioni a causa dei minerali rilasciati dal permafrost in scioglimento, che reagiscono con l’acqua e l’ossigeno, causando il rilascio di acidi e metalli.

Quali sono le conseguenze per l’acqua potabile?

Le acque contaminate possono richiedere trattamenti per essere sicure da bere, poiché l’acidità e i metalli rilasciati possono renderle tossiche.

Quali metalli sono stati trovati nelle acque dei fiumi?

Sono stati trovati alti livelli di ferro, zinco, nichel, rame e cadmio nei campioni d’acqua dei fiumi arancioni.

Come influisce questo fenomeno sui pesci?

L’acqua arancione può essere tossica per i pesci e impedire loro di migrare verso le aree di riproduzione, diminuendo la biodiversità.

Qual è la causa principale del rilascio di metalli?

Il rilascio di metalli è causato dallo scongelamento del permafrost, che espone minerali che reagiscono con l’acqua e l’ossigeno.

Quali aree dell’Alaska sono maggiormente colpite?

Le aree maggiormente colpite includono il Brooks Range settentrionale e le zone vicine ai parchi nazionali come Gates of the Arctic e Kobuk Valley.

Come viene studiato questo fenomeno?

Il fenomeno viene studiato attraverso campionamenti d’acqua, osservazioni satellitari e ricerche sul campo condotte da varie istituzioni.

Quali potrebbero essere le soluzioni per mitigare questo problema?

Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere meglio il problema e sviluppare strategie per mitigare gli impatti sulle risorse idriche e sugli ecosistemi locali.

Approfondimenti

  1. Alaska’s Rusting Waters: Pristine Rivers and Streams Turning Orange | UC Davis
  2. Metal mobilization from thawing permafrost to aquatic ecosystems is driving rusting of Arctic streams | Communications Earth & Environment
Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Dati articolo