Formiche acquisiscono nettare facendo da “guardie del corpo” delle piante

Le piante forniscono prezioso nettare alle formiche affinché queste ultime le difendano contro i predatori erbivori.
È quanto hanno scoperto i biologi Laura Carolina Leal e Felipe Passos della Fundação de Amparo à Pesquisa do Estado de São Paulo (FAPESP) studiando varie piante del nord-est del Brasile, nello Stato di Bahia, nello specifico nella zona semiaride di Caatinga.

I ricercatori hanno infatti scoperto che queste piante secernono uno prezioso nettare, attraverso specifiche ghiandole non coinvolte nell’impollinazione, nettare che è uno degli alimenti base delle formiche che prelevano da esso i carboidrati necessari per sopravvivere.
Questo nettare attira le stesse formiche alle piante e gli stessi insetti consumano sia il nettare che gli altri insetti mangiatori di piante, tra cui gli artropodi, fungendo da vera e proprie “guardie del corpo”.

Differentemente da quanto si pensava in precedenza, dunque, le formiche acquisiscono i carboidrati dal nettare delle piante e le proteine dagli insetti che vengono attratti dalle piante che per loro è una forma di cibo.
Come specifica la stessa Leal, “Questa scoperta contraddice l’idea che il pagamento è solo in zucchero. Ciò dimostra che ciò che conta è anche ciò che vogliono le formiche dagli erbivori: abbiamo scoperto che le formiche possono essere più aggressive in ambienti in cui gli artropodi e altre fonti di proteine ​​sono scarse, difendendo le loro fonti alimentari e quindi proteggendo le piante”.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook