Fragole, gli effetti sulle ossa delle donne in post-menopausa

Credito: ignartonosbg , Pixabay, ID: 6871475

Un team di ricercatori ha voluto verificare gli effetti delle fragole, alimenti vegetali notoriamente ricchi di polifenoli, sulla salute delle ossa. In particolare i ricercatori hanno esaminato gli effetti della polvere di fragole, tramite l’assunzione giornaliera, su diversi biomarcatori collegati al metabolismo osseo delle donne in post-menopausa con preipertensione o ipertensione di stadio 1.

Lo studio su 60 donne

I ricercatori hanno svolto gli studi su 60 donne con un’età media di 59 anni che avevano avuto diagnosi di ipertensione. I ricercatori dividevano i soggetti in tre gruppi: quelli del primo gruppo dovevano consumare 50 grammi di polvere di fragole liofilizzata, quelli del secondo gruppo 25 grammi di fragole liofilizzate più 25 grammi di polvere placebo e quelli del terzo gruppo dovevano consumare 50 grammi di polvere placebo.
Gli esperimenti duravano otto settimane.[1]

Aumento del fattore di crescita insulino-simile (IGF)-1

I ricercatori scoprivano un collegamento significativo tra l’assunzione di polvere di fragole e il fattore di crescita insulino-simile (IGF)-1 sierico. Quest’ultimo è un ormone, come spiegano i ricercatori nell’abstract, inportante per quanto concerne la formazione delle ossa.[1]

Aumento dell’osteocalcina

Alla fine degli esperimenti, inoltre, i ricercatori notavano anche un aumento, definito però come “non statisticamente significativa”, dell’osteocalcina nei soggetti che dovevano consumare 50 grammi di polvere di fragola liofilizzata al giorno.[1]
L’ osteocalcina è un ormone che viene prodotto dagli osteoblasti (le cellule alla base del tessuto osseo) nel corso del processo di formazione delle ossa.[2]

Livelli di adiponectina

Notavano inoltre un aumento nei soggetti che consumavano fragole liofilizzate e una diminuzione nei soggetti che consumavano la sostanza placebo di adiponectina. L’ adiponectina è una proteina appartenente alla famiglia delle citochine nonché un ormone proteico alla base di diversi processi metabolici del corpo tra cui la regolazione del glucosio e la degradazione degli acidi grassi.[3]

Commenti degli autori dello studio

Secondo i ricercatori questi risultati suggeriscono che consumare anche solo 25 grammi di polvere di fragole liofilizzata al giorno può aumentare l’IGF-1 nelle donne in post-menopausa con preipertensione o ipertensione di stadio 1. Ulteriori studi per andranno effettuati per averne una conferma.[1]

Note

  1. Effects of strawberries on bone biomarkers in pre- and stage 1-hypertensive postmenopausal women: a secondary analysis – PubMed (DOI: 10.1039/d1fo01555a)
  2. Osteocalcina – Wikipedia in italiano
  3. Adiponectin – Wikipedia in inglese

Articoli correlati


Tag

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un blog, non un sito di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Data articolo