Fungo Candida glabrata, identificati geni responsabili della resistenza al trattamento

Candida glabrata (credito: BCarver1 di Wikipedia in inglese, pubblico dominio)

Il fungo patogeno Candida glabrata è stato oggetto di un nuovo studio da parte di ricercatori dell’Istituto di ricerca in biomedicina (IRB Barcelona). Gli stessi ricercatori spiegano di aver identificato quei geni che sono responsabili della resistenza al trattamento del fungo. In particolare hanno identificato otto geni che, una volta mutati, sembrano consentire al fungo stesso di adattarsi e di restare in vita a seguito del trattamento di solito effettuato con l’esposizione a vari farmaci. Circa la metà di questi geni non era conosciuta in relazione alla resistenza da parte di questo batterio ai trattamenti, come spiega il comunicato dell’istituto spagnolo.[1]

I funghi del genere Candida possono essere responsabile di alcune patologie, in particolare nei soggetti immunocompromessi, e alcune di queste malattie possono essere fatali. I farmaci sono disponibili ma la difficoltà risiede nel fatto che i funghi, così come fanno molte specie di batteri, sono sempre più abili a sviluppare la resistenza, cosa che sta rendendo alcune delle infezioni provocate dai funghi un problema globale.[1] Secondo un’affermazione contenuta nello studio, ogni anno in tutto il mondo ci sono 1,5 milioni di morti e più di un miliardo di persone colpite da infezioni fungine.[2]

Il fungo Candida glabrata è una delle cause più comune di candidosi: il fungo può colpire il tratto uro-genitale e risulta più pericoloso per i pazienti immunocompromessi.[3]
I ricercatori hanno coltivato in laboratorio diverse popolazioni del fungo iniettando dentro di loro vari farmaci oggi disponibili sul mercato per analizzarne i livelli di resistenza.

I ricercatori scoprivano, tra le altre cose, che esponendo il fungo al farmaco fluconazolo veniva indotta, nel 50% di loro, la resistenza non solo a questo farmaco ma anche ad un altro farmaco echinocandino anche se i funghi non erano stati mai esposti a quest’ultimo. Si tratta di un fenomeno noto come “resistenza incrociata”, come spiega Toni Gabaldón, uno dei responsabili del laboratorio di genomica comparata dell’istituto IRB che ha realizzato lo studio.[1]

Note e approfondimenti

  1. Identification of genes that cause resistance to treatment of the pathogenic fungus Candida | IRB Barcelona (IA)
  2. Narrow mutational signatures drive acquisition of multidrug resistance in the fungal pathogen Candida glabrata: Current Biology (IA) (DOI: 10.1016/j.cub.2021.09.084)
  3. Candida glabrata – Wikipedia in inglese (IA)

Articoli correlati


Tag

Condividi questo articolo


Data articolo