Fungo uccide femmine e attrae maschi che tentano di accoppiarsi rimanendo infettati

Una mosca infettata dal fungo Entomophthora muscae (frame di un video del canale YouTube Deep Look)

Un fungo che si impadronisce del cervello delle femmine di mosche coprendo poi il loro corpo deceduto con varie spore per attrarre, con una sorta di “pozione d’amore”, i maschi, che tentano di accoppiarsi con la femmina morta, onde infettare senza sforzo anche questi ultimi: è lo strano comportamento descritto in un nuovo studio di cui si parla su Science.[1]
Lo studio è stato realizzato da Henrik de Fine Licht, ecologista evoluzionista dell’Università di Copenhagen, dallo studente Andreas Naundrup Hansen.

Gli esperimenti in laboratorio

I due ricercatori hanno fatto diversi esperimenti infettando le femmine di mosche con il fungo Entomophthora muscae. Dopo il decesso dell’insetto, hanno portato il corpo su una piastra di Petri e, aggiungendo nello stesso ambiente della piastra un maschio, quest’ultimo automaticamente si avvicinava alla femmina deceduta e cercava di accoppiarsi.

Maschi attratti dalle spore

I ricercatori notavano che nei confronti di una femmina morta a causa dell’infezione fungina, i maschi provavano ad accoppiarsi con probabilità cinque volte superiori rispetto alle femmine morte per altre cause. Ad esempio, di fronte a due corpi di femmine morte, una per l’infezione da Entomophthora muscae e l’altra per altra causa, i maschi sceglievano quasi sempre la femmina morta per l’infezione.
I maschi venivano dunque chiaramente attratti dalle spore fungine rimaste nel corpo della femmina morta dopo l’infezione.

Facile infezione

I tentativi del maschio di accoppiarsi con la femmina deceduta facevano liberare nell’aria una sorta di “nuvola” di spore fungine. Questa ” nuvola” più il contatto del maschio con il corpo della femmina procurava un’altra facile infezione.
La conferma del fatto che i maschi venivano attratti dalle spore fungine avveniva anche con un ulteriore esperimento in cui le mosche venivano attratte da una carta antimosche con una spolverata di spore fungine e non da una carta uguale ma senza le spore. Probabilmente ad attrarre le mosche è anche l’odore del fungo, come confermato in un esperimento durante il quale gli odori del fungo stesso stimolavano ondate di corrente elettrica nel cervello delle mosche.

Note e approfondimenti

  1. Fungus lures male flies into having sex with dead females | Science | AAAS (IA)

Articoli correlati


Tag

Condividi questo articolo


Data articolo