Fuoriuscite di gas sottomarino potrebbero presto accelerare riscaldamento globale

Bolle di anidride carbonica liquida galleggiano fuori dal fondo marino in uno sfiato sul vulcano Eifuku nordoccidentale al largo della costa del Giappone (Credito: Photo/Bob Embley, NOAA Office of Ocean Exploration)

C’è anche una causa naturale che potrebbe contribuire all’accelerazione del riscaldamento globale. Parliamo dei gas di carbonio sottomarini intrappolati in veri e propri serbatoi sul fondo degli oceani. Secondo i ricercatori, il rilascio di questi gas sarebbe già avvenuto in passato contribuendo, tra l’altro, a far uscire la terra da un’era glaciale, circa 17.000 anni fa, alla fine dell’epoca pleistocenica.

Tra l’altro questa ricerca sfida quello che sembrava un dato di fatto, ossia che l’acqua dell’oceano ha un’azione positiva nel regolare il livello di anidride carbonica nell’atmosfera durante i cicli glaciali. Questo studio, invece, mostra che i processi geologici possono sconvolgere il ciclo del carbonio e causare cambiamenti globali negativi.

I risultati di questo studio, pubblicato su Environmental Research Letters, applicati al mondo odierno, fanno in ogni caso presagire sviluppi che possono apparire inquietanti. Il fatto è che questi serbatoi di di carbonio sottomarini sono soliti rilasciare gas serra nell’atmosfera quando gli oceani si riscaldano. E dato che i mari del mondo si stanno riscaldando proprio a causa del riscaldamento globale causato dall’uomo, il processo potrebbe accelerarsi con conseguenze imprevedibili.

Secondo i ricercatori, i livelli di temperatura degli oceani sono vicini a raggiungere questo “punto di svolta” entro la fine del secolo. La cosa ancora più inquietante è che questo fenomeno è attualmente poco studiato e le sue caratteristiche cominciano ad essere comprese solo oggi.
Lowell Stott, professore di scienze della terra e autore principale dello studio, dichiara: “Sappiamo che ci sono vasti serbatoi di gas carbonifero sul fondo degli oceani. Sappiamo che quando furono distrutti durante il Pleistocene riscaldando il pianeta. Dobbiamo sapere se questi serbatoi di carbonio potrebbero nuovamente destabilizzarsi”.

Fonti e approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook