Galassia appare due volte in un’immagine di Hubble

Al centro è possibile notare la "doppia galassia", un effetto della lente gravitazionale. Credito: ESA/Hubble e NASA, J. Rigby

La luce può avere effetti strani soprattutto quando passa vicino ad un corpo con una massa molto grande. Così come gli altri oggetti, anche la luce viene attratta dalla gravità ma in questo caso, quando si osserva il cosmo, ci si può trovare di fronte ad un effetto particolare, un effetto che si sta rivelando sempre più utile in astronomia per osservare oggetti che altrimenti sarebbero per noi impercettibili.

Che cos’è la lente gravitazionale?

La lente gravitazionale è un effetto della luce che si deforma quando passa vicino ad un oggetto con grossa massa, ad esempio un ammasso di galassie. Quando ci troviamo sulla stessa linea visiva (noi, l’oggetto con grande massa e, sullo sfondo, quello osservato) in alcuni casi la luce dell’oggetto osservato può deformarsi, ingrandirsi e, a volte, anche “sdoppiarsi”. Ed è proprio un caso di sdoppiamento da lente gravitazionale quello osservato da un team di ricercatori con il telescopio spaziale Hubble.

Galassia appare due volte

I ricercatori hanno sfruttato una lente gravitazionale denominata SGAS J143845+145407 che ha fatto apparire, nell’immagine, una galassia per due volte. La “doppia galassia” può essere vista proprio al centro dell’immagine (quella un po’ più in alto e quella un po’ più basso dell’oggetto luminoso al centro sono la stessa galassia).
Inoltre nella stessa immagine, proprio nei pressi delle “due galassie”, appare una sorta di “arco distorto” o un anello: anche in questo caso non si tratta di un oggetto che ha realmente questa forma ma di un effetto della luce provocata dal lensing gravitazionale.

Advanced Camera for Surveys (ACS) e Wide Field Camera 3 (WFC3)

L’immagine è stata realizzata grazie agli strumenti Advanced Camera for Surveys (ACS) e Wide Field Camera 3 (WFC3) del telescopio spaziale Hubble e a vari filtri per campionare le varie lunghezze d’onda, come riferisce un nuovo articolo apparso sul sito di Hubble dell’Agenzia Spaziale Europea. Le lenti gravitazionali possono essere di solito sfruttate solo dai telescopi spaziali in quanto i telescopi da Terra soffrono troppo del disturbo dell’atmosfera per intercettare effetti con risoluzioni del genere.

Articoli correlati


Condividi questo articolo


Dati articolo