Gatto in sovrappeso, ecco cosa serve per farlo dimagrire

I gatti possono facilmente acquisire grassi e ritrovarsi in sovrappeso soprattutto se la loro vita domestica è fatta essenzialmente di pranzetti e vita oziosa su cuscini e divani. Una nuova ricerca, condotta dall’Università dell’Illinois e pubblicata su American Journal of Veterinary Research, mostra che per far perdere peso al gatto si devono ridurre i quantitativi di alimenti in maniera graduale e regolare.

Mettendo l’animale da un giorno all’altro a dieta ferrea, infatti, si corre il rischio di perdite di peso troppo rapide che, in un gatto, può portare anche a patologie quali la lipidosi epatica: il fegato comincia a non funzionare più bene in quanto il corpo inizia a rilasciare troppo grasso.
Secondo Kelly Swanson, professoressa nel Dipartimento di Scienze Animali e Divisione di Scienze Nutrizionali presso l’Università dell’Illinois, autrice della ricerca, per ottenere il livello ottimale di dimagrimento bisogna continuare a ridurre l’assunzione di cibo ogni settimana di circa il 20% per raggiungere un livello di perdita di peso corporeo dell’1,5% a settimana.

Secondo gli stessi ricercatori risulta però spesso difficile convincere i proprietari di gatti a ridurre in maniera così regolare il quantitativo di cibo offerto all’animale.
Il testo si è svolto su otto gatti, tutti maschi castrati, alloggiati in una grande stanza per 20 o 22 ore al giorno. I gatti tornavano alle loro gabbie solo quando era il momento di mangiare. Attraverso dei sensori attaccati ai colletti, i ricercatori hanno misurato il loro livello di attività e hanno scoperto che esso non è cambiato molto nonostante la riduzione graduale delle porzioni.

È importante anche incoraggiare il gatto a muoversi ed effettuare allenamenti quanto più possibile, magari con attrezzi appositi come i tiragraffi. Questo, unita ad una dieta regolare che porti a perdita di peso, può risultare positivo anche sotto molti altri aspetti e non solo riguardo alla perdita di grassi.

Fonti e approfondimenti



Condividi questo articolo

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”


Commenta per primo

Rispondi