Giovani sottovalutano problemi ambientali a causa di una “amnesia generazionale”

Secondo un nuovo studio condotto da ricercatori della Royal Holloway, dell’Università di Londra e dell’ente di beneficenza internazionale per la conservazione ZSL (Zoological Society London), i giovani avrebbero difficoltà a comprendere gli odierni problemi ambientali, rispetto alle generazioni più vecchie, a causa di un fenomeno conosciuto come Shifting Baseline Syndrome (SBS).
Secondo i ricercatori la conoscenza naturalistica viene “persa per generazioni senza che le persone se ne accorgano”, una sorta di “amnesia generazionale”.
Si verrebbe dunque a creare un divario per quanto riguarda la conoscenza dell’ambiente naturale e la percezione degli stessi dati ambientali che ostacola gli sforzi portati avanti dalle varie organizzazioni e da molti ricercatori per sottolineare quanto sia urgente portare avanti azioni decise in favore dell’ambiente e delle specie in declino.

Con ogni nuova generazione, infatti, secondo i ricercatori, le condizioni ambientali vengono percepite sempre come più “normali” e ciò porta evidentemente ad una sottostima del cambiamento ambientale di lungo periodo, quello che sta avvenendo durante questi decenni e che sta attraversando varie generazioni.
Questo studio porta delle prove empiriche per questo fenomeno utilizzando i dati di questionari on-line sulla conoscenza dell’ambiente e per capire le percezioni del pubblico sui cambiamenti biologici a lungo termine riguardanti varie specie di uccelli del Regno Unito.
I risultati mostravano, secondo i ricercatori, l’effettiva esistenza della Shifting Baseline Syndrome.

“È necessaria una maggiore comunicazione intergenerazionale sull’ambiente e le questioni di conservazione. Le persone tendono a confrontare le condizioni ecologiche attuali con i punti di riferimento stabiliti nella propria esperienza, dimenticando o ignorando preziose informazioni storiche”, spiega Lizzie Jones, l’autrice principale dello studio nonché studentessa del Dipartimento di Scienze Biologiche alla Royal Holloway.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook