Girini assassini invasivi minacciano rane native nell’arcipelago delle Andamane

Un esemplare adulto di rana toro indiana (credito: Durga bhat bollurodi, CC BY 3.0, via Wikimedia Commons)

Un altro caso di specie invasiva che sta minacciando le rane è stato individuato nell’arcipelago delle Andamane, India.
Si tratta di un gruppo di isole, che si trova a circa 1200 km ih della terraferma indiana, un habitat in cui può essere individuata la rana toro indiana (Hoplobatrachus tigerinus).

Quest’ultima non è originaria del posto ma è stata introdotta nei primi anni 2000 quando gruppi di adulti vennero rilasciati nelle acque per il consumo umano.
Oggi si sono moltiplicate a dismisura e sono solite riprodursi in qualsiasi pozza d’acqua, finanche nelle piantagioni di risaie, andando ad occupare gli habitat delle rane locali.

Si tratta di una rana che può crescere fino a 16 cm di lunghezza e può assumere dimensioni, una volta diventata adulta, di 4-5 volte quella delle più grandi rane native del luogo.
Il problema è che queste rane, oltre a predare una miriade di vertebrati endemici, come pesci, lucertole e piccoli uccelli, sembrano essere golose anche di altre rane, soprattutto quelle più piccole e appartenenti ad altre specie.

Un nuovo studio, ripreso da da Conversation, sottolinea questa minaccia per le specie di rane native dell’arcipelago delle Andamane e aggiunge un nuovo interessante particolare. Ad attaccare le specie di rane native del luogo non solo sono le rane toro indiane adulte ma soprattutto i girini.

Questi ultimi si rivelano infatti molto aggressivi e sono caratterizzati da un livello di predazione che, come sottolineano gli stessi ricercatori, non è mai stato documentato prima per quanto riguarda i girini di qualsiasi rana invasiva.

I girini invasivi di rane toro indiane sono golosi soprattutto i girini di altre specie di rane e ciò sta portando ad una diminuzione della popolazione di rane native, tra cui la rana delle Andamane e la rana dalla bocca stretta di Chakrapani.

Fonti e approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Rimani in contatto

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”

Commenta per primo

Rispondi