Goccioline lipidiche aiutano reni a smaltire grasso in eccesso

Cellula renale (nefrocita) contenente goccioline lipidiche (grigio) e endosomi (rosso e verde) (credito: Lubojemska, A Yoshimura, L Collinson and AP Gould)

Una dieta troppo ricca di grassi può causare danni ai reni intesi come infiammazioni e livelli di stress metabolico e, nei casi più gravi, si sviluppano malattie renali croniche per le quali si deve far ricorso a dialisi oppure a trapianto. Un team di ricercatori ha fatto una scoperta interessante i cui dettagli sono stati pubblicati in uno studio su PLoS Biology.[2]

I ricercatori hanno scoperto che le piccole goccioline di lipidi (strutture microscopiche conosciute anche come corpi lipidici o adiposomi) presenti nelle cellule renali dei moscerini della frutta (denominate nefrociti), possono rivelarsi molto utili proprio per prevenire i danni apportati da una dieta troppo ricca di grassi che può causare danni ai reni.
I ricercatori hanno svolto esperimenti sui moscerini della frutta scoprendo che, quando gli insetti venivano alimentati con diete particolarmente ricche di grassi, queste goccioline di lipidi tendevano ad accumularsi dentro i nefrociti e qui cominciavano ad immagazzinare grasso in eccesso.[1]

Eseguivano questo compito in particolare grazie ad un enzima denominato ATGL che si trova proprio sulla superficie delle goccioline e che smaltisce i grassi in eccesso in maniera sicura, lontano dalle parti importanti della cellula. Questo enzima trasforma i grassi in una molecola digeribile per i vicini mitocondri. Questi ultimi possono infatti scomporre i grassi in molecole che poi alla fine risultano meno tossiche.
Infine i ricercatori scoprivano che aumentando l’espressione dell’enzima ATGL negli insetti la maggior parte dei danni causati dal grasso nei reni venivano riparati e le normali funzioni delle stesse cellule renali venivano ripristinate.[1]

Le goccioline lipidiche, naturalmente presenti anche nel corpo umano, sono conosciute già da diversi anni in quanto hanno un ruolo in diverse patologie, dal diabete al cancro al cervello, come spiega Alex Gould, ricercatore del Francis Crick Institute di autore principale dello studio.
Tuttavia risulta emozionante scoprire che esse hanno un ruolo essenziale anche per quanto riguarda le azioni svolte dal rene quando c’è un sovraccarico di grasso. Le goccioline di lipidi si stanno rivelando strutture sempre più importanti ed ora si scopre che lo sono anche per i reni.

Note e approfondimenti

  1. Lipid droplets help protect kidney cells from damage | Crick (IA)
  2. Adipose triglyceride lipase protects renal cell endocytosis in a Drosophila dietary model of chronic kidney disease (IA) (DOI: 10.1371/journal.pbio.3001230)

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Data articolo