Grafene consente frequenze di clock nell’intervallo dei terahertz

Credito: Juniks / HZDR

Anche per quanto riguarda il campo dell’elettronica il grafene è considerato come un materiale molto promettente. In particolare, per quanto concerne il comparto della nanoelettronica, si pensa che il grafene possa consentire frequenze di clock fino a mille volte più veloci rispetto all’odierna elettronica basata sul silicio.

Una prova di questa affermazione è arrivata da una nuova ricerca apparsa su Nature. Un gruppo di scienziati dell’Helmholtz Zentrum Dresden-Rossendorf (HZDR) e dell’Università di Duisburg-Essen (UDE), in collaborazione con il Max Planck Institute for Polymer Research (MPI-P), ha infatti dimostrato che il grafene può effettivamente trasformare i segnali elettronici con frequenze nella gamma gigahertz in segnali con frequenze di molto superiori.

Si tratta della prima prova diretta della moltiplicazione di frequenza da gigahertz a terahertz in un monostrato di grafene, una cosa che porterebbe a sua volta ad una efficienza nettamente migliorata, come spiega anche Michael Gensch, a capo di un gruppo di ricercatori impegnati nella fisica ultraveloce.

Con questa ennesima ricerca, dunque, si sta aprendo la strada alla nanoelettronica ultraveloce basata sul grafene; la stessa Mischa Bonn, altro ricercatore impegnato in questo studio, parla di una scoperta rivoluzionaria: “Abbiamo dimostrato che l’elettronica basata sul carbonio può operare in modo estremamente efficiente a velocità ultraveloce. E sono anche concepibili componenti ibridi ultraveloci fatti di grafene e semiconduttori tradizionali”.

Fonti e approfondimenti



Condividi questo articolo

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”


Commenta per primo

Rispondi