Grano più resistente al calore, scienziati fanno nuovo passo avanti

Un nuovo passo avanti nella creazione in laboratorio di grano maggiormente resistente al calore viene segnalato in un comunicato stampa da parte dell’Università di Lancaster, Inghilterra.
Questa ricerca si è concentrata sul RuBisCO, uno degli enzimi maggiormente studiati dagli scienziati proprio per quanto riguarda le colture delle piante. Questo enzima, infatti, è alla base del quantitativo di energia prodotto dalla pianta e innesca il ciclo di produzione quando il Sole splende per poi segnalare alla pianta di “fermarsi” quando l’ambiente è privo di luce.

Il team dell’Università di Lancaster, come riportato sullo studio pubblicato sul Plant Journal, ha fatto una modifica su questo enzima del grano in modo che lo stesso enzima si attivi più velocemente a temperature più calde. Questo permetterebbe alle piante di proteggersi in misura maggiore dall’aumento delle temperature.
Elizabete Carmo-Silva, professoressa al Lancaster Environment Centre che ha supervisionato lo studio, spiega cosa lei e il suo team hanno fatto: “Abbiamo preso un Rca di grano (2β) che era già abbastanza bravo ad attivare Rubisco a temperature più basse e abbiamo sostituito solo uno dei suoi aminoacidi con uno trovato in un altro Rca di grano (1β) che funziona abbastanza bene a temperature più elevate ma è spazzatura attivando Rubisco – e il risultato è una nuova forma di 2β Rca che è il migliore dei due mondi”.
Il tutto senza compromettere l’efficienza della pianta in termini di resa di coltura.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook