Gravidanza e rischio di infezione da Listeria, le raccomandazioni dell’esperta

Credito: Kateryna Kon, Shutterstock, ID: 1736073437

Si deve considerare maggiormente il rischio di infezione da Listeria (un genere di batteri che attaccano il sistema immunitario) per le donne durante la gravidanza secondo un nuovo comunicato della Mayo Clinic. Come spiega il comunicato, la sicurezza alimentare è un fattore importante delle nostre vite ma per le donne durante la gravidanza lo è ancora di più. Le donne incinte, infatti, possono vedere il proprio sistema immunitario cambiare a causa di modifiche ormonali. Questo significa che una persona in gravidanza risulta ancora più suscettibile ad andare incontro a patologie infettive di origine alimentare.

Batteri del genere Listeria ed effetti sul nascituro

La dottoressa Nipunie Rajapakse, ricercatrice della Mayo Clinic nonché esperta di malattie infettive pediatriche, spiega che il genere Listeria è rappresentato da batteri che possono essere trasmessi tramite gli alimenti. Questi batteri dovrebbero preoccupare di più le donne incinte, le persone anziane o quelle che hanno un sistema immunitario già indebolito, spiega la Rajapakse. In particolare nelle donne incinte il batterio potrebbe trasmettersi anche al nascituro e su quest’ultimo può avere anche effetti gravi (nei casi più gravi può causare anche la morte).[1]

Focolai più recenti collegabili a insalate confezionate

La ricercatrice spiega di aver ispezionato i dati riguardanti gli ultimi anni di focolai di Listeria e di aver scoperto che i focolai più recenti erano collegabili alle insalate già confezionate, un alimento che di solito viene ritenuto salutare a differenza di altri (come quelli a base di carne) che invece sono conosciuti per il rischio più alto di contenere batteri del genere Listeria.[1]

Cuocere bene salumi e lavare frutta e verdura

Per quanto riguarda i salumi e gli hot dog la ricercatrice spiega che è bene accertarsi che siano cotti ad una temperatura di almeno 165 °F (circa 73° centigradi). Per quanto riguarda frutta e verdura queste dovrebbero essere lavate bene. Inoltre è buona norma tenere d’occhio tutte quelle notizie che segnalano nuovi focolai di listeria collegati a specifici alimenti.
La ricercatrice ricorda che i sintomi dell’infezione da listeria possono essere rappresentati da febbre, diarrea, vomito e dolori all’addome.[1]

Video

Articoli correlati


Tag

Condividi questo articolo


Dati articolo