I pericoli del doomscrolling: la vera dipendenza da Internet

Lo studio pubblicato su The Conversation, [1] esplora il modo in cui la FOMO contribuisce ai problemi dei social media comportamenti di utilizzo e di doomscrolling.

L’impatto della FOMO sull’uso di Internet

Durante la pandemia di COVID, molte persone si sono rivolte a Internet per rimanere in contatto. Tuttavia, la paura di perdersi qualcosa (FOMO) può portare a un utilizzo problematico di Internet. I ricercatori hanno esaminato il modo in cui la FOMO influenza comportamenti come l’uso eccessivo dei social media e il doomscrolling, dove gli individui consumano ossessivamente notizie negative.

Comprendere la regolazione delle emozioni

Lo studio ha evidenziato il ruolo della regolazione delle emozioni nella gestione della FOMO. Le persone lottano con la FOMO quando non riescono a controllare le proprie emozioni in modo efficace. Ciò li porta a utilizzare eccessivamente i social media o a fare doomscroll. I ricercatori hanno differenziato tra la regolazione delle emozioni intrapersonali (gestire da soli le emozioni) e la regolazione delle emozioni interpersonali (cercare aiuto dagli altri).

Risultati e implicazioni principali

I risultati hanno mostrato che le persone con FOMO elevata si impegnano in un uso problematico dei social media a causa della scarsa regolazione delle emozioni e della dipendenza dagli altri per il supporto. Al contrario, il doomscrolling è guidato da fallimenti nella regolazione intrapersonale. Questi risultati suggeriscono la necessità di politiche equilibrate sull’uso dei social media, soprattutto per i giovani, considerando sia i benefici della connessione sociale che i rischi di un uso eccessivo.

FAQ

Cos’è la FOMO?

La FOMO è la paura di perdersi eventi o esperienze importanti nel proprio contesto sociale.

Come influisce la FOMO sull’uso dei social media?

La FOMO può portare a un uso eccessivo dei social media, con difficoltà a controllare l’urgenza di connettersi online.

Cosa si intende per doomscrolling?

Il doomscrolling è l’abitudine di cercare costantemente notizie negative e aggiornamenti inquietanti online.

Come la regolazione emotiva influisce sulla FOMO?

La difficoltà nel gestire le proprie emozioni rende le persone più suscettibili alla FOMO, influenzando l’uso dei social media e il doomscrolling.

Quali sono le differenze tra regolazione emotiva intrapersonale e interpersonale?

La regolazione emotiva intrapersonale riguarda la gestione delle emozioni da soli, mentre quella interpersonale coinvolge il cercare aiuto da altre persone.

Il doomscrolling è più comune durante la pandemia?

Sì, il doomscrolling è diventato più diffuso durante la pandemia, quando le persone cercavano costantemente aggiornamenti negativi.

Quali sono le implicazioni delle scoperte sulla FOMO?

Le scoperte suggeriscono la necessità di bilanciare l’uso dei social media per evitare conseguenze negative sulla salute mentale.

Come dovrebbero rispondere i politici alla sfida della FOMO?

I politici devono bilanciare la protezione dei giovani dai rischi dell’uso problematico dei social media con la promozione della connessione sociale online.
Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un blog di notizie, non un sito di consigli medici. Leggi anche il disclaimer medico.

Dati articolo