I sauropodi, gli enormi dinosauri erbivori, forse possedevano un becco

Rappresentazione artistica di un dinosauro sauropode (credito: Steveoc 86, CC BY-SA 2.5, via Wikimedia Commons)

I sauropodi, i dinosauri giganteschi che potevano pesare più di un moderno aereo di linea, potrebbero essere stati oggetti di un errore da parte dei paleontologi.
Gli studiosi hanno infatti sempre ritenuto che questo dinosauro avesse delle labbra simili a quelle delle lucertole tuttavia un nuovo studio pone sul tavolo una nuova possibilità.

Secondo Kayleigh Wiersma, paleontologa dell’Università di Bonn, Germania, questi dinosauri forse erano dotati di becchi simili a quelli delle tartarughe o degli uccelli pieni di lunghi denti.
Con questa particolare bocca e con la relativa struttura dentale, erano capaci di raccogliere ed ingerire quantità enormi di vegetazione, cosa che li ha portati, a livello evoluzionistico, di raggiungere dimensioni da primato.

Wiersma, che ha condotto lo studio insieme al collega Martin Sander, ha analizzato sette serie di denti isolati da alcune specie di sauropodi, tra cui il sauropode europeo nano Europasaurus e il Camarasaurus.
A seguito delle analisi, i ricercatori hanno dedotto la presenza di becchi simili a quelli degli uccelli nella maggior parte di queste specie in quanto hanno notato un livello di usura superficiale solo del 50% fino alla mascella.

Ciò indica, secondo i ricercatori, che i denti stessi erano chiusi in una struttura a becco fatta di cheratina, sostanza che è alla base anche dei becchi degli uccelli.
Le ricostruzioni che sono state fatte dagli scienziati e dai ricercatori, infatti, avrebbero sempre lasciato scoperti le fila dei denti attaccati al cranio in maniera troppo vaga, come affermano gli stessi autori dello studio.

La presenza di un becco, invece, sarebbe stata d’aiuto per tenere saldi i denti, per proteggerli e per fornire loro stabilità.
Questi enormi dinosauri non potrebbero aver aver posseduto denti così esposti senza alcuna protezione, come afferma abbastanza chiaramente Steve Salisbury, un paleontologo dell’Università del Queensland sul sito di Science.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook