Identificato gene che fa resistere le piante di cereali alla siccità

Un gene che è considerato il responsabile della resistenza alla siccità delle piante che producono cereali è stato identificato da un gruppo di scienziati della Heriot-Watt University.

Secondo il comunicato stampa, questa scoperta potrebbe portare “cereali a prova di futuro”, ossia a cereali che possano resistere sempre meglio ai cambiamenti climatici in corso che, si presume, porteranno a stati di siccità sempre più frequenti per quanto riguarda la coltivazione.

Nello studio, pubblicato sul Journal of Plant Physiology and Biochemistry, vengono descritte le modalità con le quali i ricercatori, nel corso di quasi cinque anni di lavoro, hanno identificato il gene HvMYB1.

Questo gene gestisce la tolleranza allo stress in varie piante di cereali, tra cui l’orzo stesso.
Questo è il primo studio che associa il gene HvMYB1 alla resistenza di una pianta alla siccità.

Peter Morris dell’Istituto di Scienze della Terra e della Vita dell’Università Heriot-Watt così spiega il senso della ricerca che lui i colleghi hanno portato avanti: “Dato che i cambiamenti climatici stanno accelerando e viviamo stagioni più estreme, è essenziale mantenere la continuità dell’approvvigionamento. Ciò è significativo per settori chiave come il whisky Scotch, uno dei principali articoli di esportazione del Regno Unito. Il nostro progetto si è concentrato specificamente sull’orzo; uno dei tre ingredienti utilizzati nella produzione di whisky scozzese”.

Non è stata un’impresa facile considerando che l’orzo possiede più di 39.000 geni, il doppio di quelli dell’uomo.

Approfondimenti

Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Dati articolo