Idrogeno per far funzionare data center, Microsoft ci riesce per 48 di seguito

Nel tentativo dichiarato di sostituire i suoi generatori diesel con accumulatori di batteri ad idrogeno in alcuni dei suoi server, la Microsoft dichiara di aver raggiunto un importante obiettivo: parte dei suoi data center hanno funzionato per 48 ore di seguito utilizzando solo l’idrogeno.
Il problema del consumo dei grossi server e dei grandi data center sparsi per il mondo è stato sollevato diverse volte nel corso di questi ultimi anni in quanto ci si è resi conto che poi la stessa Internet tanto “verde” e vicina all’ambiente, un concetto che in passato veniva sottolineato anche troppo spesso, poi effettivamente non è.

Quando si fa funzionare un data center, in ogni caso, è importante effettuare copie speculari di tutti i dati. Bisogna in pratica effettuare il cosiddetto “backup”. I backup dei data center rappresentano una parte piccola del consumo di energia elettrica, e quindi delle emissioni di gas serra nell’ambiente, e lo standard in questo settore, come rileva Popular Mechanics, è l’alimentazione tramite generatori diesel.
Gli esperti di Microsoft Azure hanno però provato a far funzionare un data center per il loro servizio cloud tramite celle a combustibile dotate di relativo serbatoio di stoccaggio dell’idrogeno e di un elettrolizzatore capace di convertire le molecole dell’acqua in idrogeno e ossigeno.
Si tratta di un metodo che potrebbe essere integrato, secondo gli esperti della stessa Microsoft che hanno rilasciato una dichiarazione sul loro sito ufficiale, anche nella normale rete elettrica.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook