Il Sole potrebbe diventare una sfera di cristallo tra 10 miliardi di anni

Il nucleo di una nana bianca che si cristallizza (credito: University of Warwick/Mark Garlick)

Un gruppo di astronomi dell’Università di Warwick ha trovato la prima evidenza del fatto che le stelle nane bianche possono solidificarsi in cristalli. Le nane bianche rappresentano uno degli stadi finali di diversi tipi di stelle come il nostro Sole. Le nane bianche possiedono un nucleo di ossigeno solido e carbonio e possono essere considerate come i nuclei rimanenti delle giganti rosse dopo che queste ultime hanno perso i loro strati esterni, si sono raffreddate e sono sostanzialmente “morte”.

Dopo aver selezionato 15.000 nane bianche candidate che si trovano entro circa 300 anni luce dal sistema solare, gli astronomi hanno identificato un eccesso nel numero di stelle con specifici colori e con una specifica luminosità che non corrispondono a nessuna singola massa o età. Secondo le teorie, che sembrano ora provate, sotto le estreme pressioni esistenti nei nuclei delle nane bianche, gli atomi vengono impacchettati così densamente che gli elettroni si liberano ed è proprio a questo punto che il fluido inizia a solidificarsi formando un nucleo metallico al centro con un mantello in carbonio.

Secondo Pier-Emmanuel Tremblay del Dipartimento di Fisica dell’Università di Warwick, uno degli autori della ricerca, “Questa è la prima prova diretta che le nane bianche cristallizzano” una cosa che era già stata descritta diversi decenni fa ma che è stata osservata solo oggi: “Tutte le nane bianche si cristallizzeranno ad un certo punto della loro evoluzione, anche se le più grandi attraverseranno il processo prima. Questo significa che miliardi di nane bianche nella nostra galassia hanno già completato il processo e sono essenzialmente sfere di cristallo nel cielo. Il Sole diventerà una nana bianca di cristallo in circa 10 miliardi di anni “.

Fonti e approfondimenti

Articoli correlati


Condividi questo articolo

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”


Commenta per primo

Rispondi