In Svezia sarà testata strada che ricarica veicoli elettrici durante guida

Il problema principale delle auto elettriche sono e saranno in futuro i tempi relativi alla ricarica che, almeno ad oggi, sono ancora troppo lunghi. Notevoli sono i tentativi da parte di vari scienziati di porre un rimedio alla fase della ricarica o quantomeno per aggirare il problema.
Tra questi arriva il concetto di strada che ricarica induttivamente le batterie dei veicoli elettrici mentre questi la percorrono, concetto ora portato avanti dalla Smart Road Gotland, azienda svedese. Quest’ultima costruirà un tratto sperimentale, della lunghezza di circa un chilometro e mezzo, che collegherà la città di Visby all’aeroporto sull’isola di Gotland, Svezia.

La strada sarà percorsa da un camion elettrico e da un autobus elettrico e ricaricherà i veicoli utilizzando un’apposita tecnologia sviluppata da un’altra società, la Electreon.
La tecnologia si basa sulla ricarica induttiva delle batterie dei veicoli, simile alla ricarica “senza fili” che è possibile con alcuni smartphone.
Attualmente l’ostacolo principale è rappresentato dalle condizioni ambientali che, soprattutto durante gli inverni, in Svezia possono essere molto severe in quanto a basse temperature, neve e ghiaccio.

Nel caso questo tratto sperimentale avesse successo, gli ingegneri delle due società, supportati economicamente anche dal governo svedese, hanno intenzione di costruire 2000 ulteriori chilometri di strade del genere in tutta la nazione. Ciò trasformerebbe la Svezia nella prima nazione con una rete stradale elettrica, strade che qualcuno ha già denominato “e-road”.

Un progetto che dovrebbe costare diversi miliardi di dollari (almeno tre secondo una stima iniziale ma, come si sa, le stime iniziali spesso sono troppo prudenti).
Certo, guidare senza l’assillo di dover effettuare soste per la ricarica rappresenterebbe un passo avanti enorme per tutta l’industria del settore.

Fonti e approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Rimani in contatto

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”

Commenta per primo

Rispondi