Incendi pericolosi anche perché innescano gravi frane dopo piogge

Secondo un nuovo studio condotto da un dottorando in scienze ambientali della UC Riverside, gli incendi possono risultare pericolosi non solo per i motivi classici, ossia quelli relativi alla distruzione di vegetazione e strutture realizzate dall’uomo, ma anche per altri motivi relativi alla stabilità del terreno.
Secondo James Guilinger, infatti, una pioggia anche modesta, a seguito di un incendio, può causare delle frane che possono rivelarsi gravi e mortali.

Questo perché quando il fuoco attraversa uno spartiacque si vengono a creare dei “sigilli” cerosi che non permettono più alla stessa acqua di penetrare naturalmente all’interno del terreno. L’acqua comincia a scorrere dunque fuori dalla superficie del terreno stesso provocando delle colate detritiche, sostanzialmente innescando delle rapide frane. Se queste ultime cominciano su terreni collinosi, possono accelerare e provocare gravi danni.
“L’acqua non si comporta più come l’acqua, è più come il cemento bagnato”, spiega lo stesso ricercatore. “Può raccogliere oggetti grandi come massi che possono distruggere infrastrutture e ferire o addirittura uccidere persone, che è quello che è successo dopo l’incendio Thomas del 2018 a Montecito”.

Il ricercatore cita un incendio, soprannominato “Thomas”, avvenuto tra dicembre e gennaio del 2018 nella California meridionale. Prima di essere domato del tutto, l’incendio arrivò a bruciare quasi 282.000 acri. Si trattò del più grave incendio tra tutti quelli avvenuti in epoca moderna in California.
Ai fini dello studio, comunque, i ricercatori hanno osservato il fenomeno descritto sopra su un terreno di 23.000 acri nei pressi del lago Elsinore, a sud della California. Per ottenere i dati che hanno poi usato all’interno della loro ricerca, hanno usato anche uno scanner laser da terra che usa onde visibili e all’infrarosso per ricostruire lo stesso terreno con un dettaglio di livello millimetrico.
Lo studio è stato pubblicato poi sul Journal of Geophysical Research: Earth Surface.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook