Influenza gravitazionale reciproca tra lune di Giove ancora più forte di quella del pianeta

Non sarebbe solo Giove ad infondere una forte influenza gravitazionale sulle sue lune ma anche le stesse lune avrebbero forti effetti gravitazionali l’una sull’altra. È quello che suggerisce un nuovo studio condotto da Hamish Hay, ricercatore dell’Università dell’Arizona quando ha redatto lo studio, poi pubblicato su Geophysical Research Letters, e ora al Jet Propulsion Laboratory.
E la cosa sorprendente risiederebbe nel fatto che questi effetti gravitazionali tra una luna e l’altra sarebbero addirittura più forti, in termini di forze di marea gravitazionale, di quelli impressi dal gigante gassoso stesso.

Il ricercatore ha eseguito dei modelli delle interazioni gravitazionali tra le quattro principali lune di Giove: Io, Europa, Callisto e Ganimede.
Secondo quanto suggeriscono i modelli, queste luna galileiane avrebbero un’influenza gravitazionale “enorme” l’una sull’altra grazie ad un effetto denominato “risonanza delle maree”, in sostanza una sorta di sincronizzazione degli effetti gravitazionali di Giove tra una luna e l’altra, sincronizzazione che rinforza ancora di più l’effetto.
Ad esempio i ricercatori hanno calcolato che Io dovrebbe infondere un forte effetto gravitazionale sull’oceano che si trova sotto la superficie di Europa, un ambiente in questi anni sempre più oggetto di studio da parte di scienziati in quanto si ritiene che potrebbe essere adatto per la vita.

In effetti la stessa risonanza delle maree tra le lune di Giove potrebbe essere utilizzata per stabilire la profondità di questo oceano che, secondo alcune stime, potrebbe essere profondo più di 70 km.
“Se puoi misurare la velocità con cui la superficie della luna si muove su e giù, allora questo sarebbe un modo per dirti quanto potrebbe essere spesso l’oceano”, spiega Hay.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook