Iniezione sottopelle di tre ormoni provoca perdita di peso in obesi

Nel corso di alcuni esperimenti i ricercatori dell’Imperial College di Londra hanno notato una riduzione del peso corporeo e dei livelli di glucosio nei pazienti obesi con diabete in sulle quattro settimane.
La riduzione è avvenuta grazie all’iniezione di una particolare mix di ormoni.

Secondo i ricercatori dell’Imperial College, la procedura nota come “bypass gastrico”, a volte molto efficace per ridurre il peso in eccesso, si rivela efficiente perché provoca una maggiore produzione di tre ormoni specifici da parte delle cellule dell’intestino tenue e del colon.

Si tratta di una combinazione di ormoni denominata “GOP” che riduce l’appetito e provoca una perdita di peso migliorando tra l’altro anche la capacità da parte del corpo di usare lo zucchero assorbito di cibi, cosa molto importante per i diabetici.

Sulla base di questa nozione, i ricercatori hanno iniettato nei pazienti un mix di tre ormoni: peptide 1 simile al glucagone (GLP-1), ossintomodulina (OXM) e peptide YY (PYY).
Questa combinazione imitava la combinazione di ormoni la cui maggiore produzione si verifica dopo il suddetto intervento chirurgico.

I pazienti hanno ricevuto questo trattamento per quattro settimane. L’iniezione avveniva tramite una particolare pompetta che introduce il mix lentamente nel corpo, sotto la pelle, per 12 ore al giorno.
Contemporaneamente pazienti seguivano una dieta prescritta da un dietista.

Secondo Tricia Tan, professoressa all’Imperial College e autrice principale dello studio, i risultati si sono rivelati promettenti e mostrano miglioramenti significativi nella salute dei pazienti in sole quattro settimane.
La stessa ricercatrice nel comunicato stampa aggiunge: “Rispetto ad altri metodi il trattamento è non invasivo e ha ridotto i livelli di glucosio a livelli quasi normali nei nostri pazienti.”
I risultati dello studio sono stati pubblicati su Diabetes Care.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook