Inquinamento atmosferico da ozono collegato a rischio più grande di fibromi in donne nere

Credito: kurhan, Shutterstock, 119504830

L’inquinamento atmosferico procurato dall’ozono può essere collegato a probabilità più grandi di sviluppare fibromi per le donne di colore secondo quanto riporta un nuovo articolo su WebMD.[1]

Lo studio

Un team di ricercatori ha infatti analizzato l’influenza che tre inquinate atmosferici (particolato più piccolo di 2,5 micron (PM2,5), biossido di azoto (NO2) e ozono) possono avere sulle donne nere. I ricercatori scoprivano che quelle esposte a livelli più alti di ozono mostravano una probabilità più grande del 35% di sviluppare le escrescenze non cancerose dentro all’utero e intorno ad esso. Questo collegamento risultava ancora più forte per quelle donne con un’età più bassa di 35 anni e per quelle che avevano già partorito, riferisce il comunicato. Il collegamento non sembrava sussistere per gli inquinanti PM2,5 o NO2.[1]

Collegamento tra l’inquinamento atmosferico e i fibromi

Lo studio, pubblicato sulla rivista Human Reproduction, si aggiunge ad altri che già hanno suggerito l’esistenza di un collegamento tra l’inquinamento atmosferico e i fibromi. Tuttavia, come spiega Amelia Wesselink, una professoressa della Boston University School of Public Health e autrice dello studio, questi risultati sono i primi a trattare questo collegamento nelle donne nere. Era già noto, infatti, il fatto che le donne nere sembrano essere colpite in maniera sproporzionata dai fibromi, come spiega la ricercatrice.[1]

Dati di 56 città e di 22.000 donne nere in premenopausa

I ricercatori hanno analizzato i dati relativi all’inquinamento atmosferico di 56 città statunitensi e quelli relativi a circa 22.000 donne nere in premenopausa residenti in queste città. Le donne erano state seguite per 14 anni e durante questo periodo il 30% di loro riferiva di aver avuto una diagnosi di fibroma.
Il collegamento tra l’inquinamento da ozono nell’atmosfera e l’aumento di rischio di fibromi nelle donne nere non è ancora chiaro, spiega la Wesselink. Forse c’è un meccanismo che riguarda l’ozono ancora sconosciuto.[1]

Note e approfondimenti

  1. Smoggy Air Might Raise Black Women’s Odds for Fibroids
Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un blog di notizie, non un sito di consigli medici. Leggi anche il disclaimer medico.

Dati articolo