Insetticidi bloccano sviluppo delle larve dei bombi, allarme lanciato da scienzia

Un insetticida sta procurando grossi problemi alla crescita larvale dei bombi secondo uno studio condotto da ricercatori della Royal Holloway. Si tratterebbe di un insetticida molto utilizzato, in più di 80 paesi secondo i ricercatori, e anche all’interno dell’Unione Europea. È una notizia non proprio positiva per i bombi, insetti volanti per i quali già diversi studi hanno sottolineato l’incombente pericolo di estinzione, un’eventualità che porterebbe ad un effetto a catena molto pericoloso.

L’insetticida in questione è il Sulfoxaflor, come hanno verificato i ricercatori, che sembra avere un effetto molto negativo sulla crescita delle larve: ne blocca lo sviluppo e a lungo termine provoca un grosso calo per quanto riguarda le colonie.
Nello specifico i ricercatori hanno notato una riduzione del 61% per ciò che concerne la crescita delle larve (rispetto alle larve non esposte a questo insetticida) e una pericolosa azione duplice quando ad approfittare delle larve è anche il parassita fungino Nosema bombi.

In quest’ultimo caso, tra l’azione dell’insetticida e quello del parassita, si ha un aumento della mortalità delle larve del 20%.
Secondo quanto spiega Harry Siviter, ricercatore della Royal Holloway, Università di Londra, è ormai chiaro che l’utilizzo degli insetticidi porta ad un declino globale degli insetti e che le attuali leggi per quanto riguarda la regolamentazione del loro utilizzo non sembrano avere effetti adeguati.

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook