Insetto robotico che si sposta a 3 cm al secondo può essere anche schiacciato

Dettagli dell'insetto robotico creato dai ricercatori (credito: Science Robotics, Doi: 10.1126/scirobotics.aaz6451 )

Un piccolo robot molto simile ad un insetto di terra che si muove in maniera relativamente veloce e che può essere letteralmente schiacciato senza subire danni è stato sviluppato da un gruppo di ricercatori della Scuola politecnica federale di Losanna (EPFL).
I ricercatori della scuola di ingegneria hanno infatti realizzato quello che nel comunicato stampa viene definito come un “insetto robotico molle” che può correre fino a 3 cm al secondo grazie a piccoli muscoli artificiali.

Soprannominato DEAnsect, questo microrobot è stato sviluppato in due versioni: una collegata con fili ultrasottili che è molto robusta tanto che può essere letteralmente schiacciata con uno più classico scacciamosche. Un’altra è un modello libero da cavi e fili, del tutto autonomo, che pesa meno di 1 g e che si muove grazie ad una batteria posta sul dorso.
Viene definito come un “insetto intelligente” in quanto si serve di un microcontrollore che funge da “cervello” e di alcuni fotodiodi che fungono da a “occhi”. Per ora riesce adistinguere il bianco dal nero e ciò gli permette già di seguire una linea tracciata su una superficie.

I muscoli sono rappresentati da piccoli attuatori fatti di elastomero dielettrico grazie al quale l’insetto artificiale viene spinto in avanti con delle piccole vibrazioni. Proprio questa tipologia di muscolo artificiale permette allo stesso robot di essere così leggero e rapido e di potersi muovere su varie tipologie di terreno, anche su quelli ondulati e moderatamente sconnessi.
Ora i ricercatori si stanno impegnando nella costruzione di un nuovo modello che possa comunicare con altri modelli simili grazie a nuovi sensori ed emettitori, come dichiara Herbert Shea, direttore del Soft Transducers Laboratory (LMTS), la sezione dell’EPFL impegnata nel progetto.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook