Intensissima e misteriosa scarica di potenti lampi radio da fonte extragalattica scoperta dagli scienziati

Credito: tommyvideo, Pixabay, 6686660

La più grande ed inusuale scarica di lampi radio veloci mai individuata viene descritta in un nuovo studio apparso su Nature da un team di ricercatori, alcuni dei quali provenienti dall’Università del Nevada a Las Vegas. Gli astronomi, utilizzando l’enorme telescopio sferico da 500 m di diametro FAST in Cina, hanno individuato e contato più di 1650 lampi radio veloci provenienti da una fonte denominata FRB 121102, situata nello spazio profondo.

Lampi radio veloci

Da quando i cosiddetti “lampi radio veloci” sono stati scoperti, nel 2007, le individuazioni sono state diverse ma la vera causa dietro a queste scariche veloci di energia che si propagano nel cosmo alla velocità della luce non è stata ancora scoperta.
Quello che è difficile da individuare per quanto riguarda i lampi radio veloci è la loro esatta collocazione ma numerosi studi, pubblicati nel corso degli ultimi anni, stanno iniziando a svelare diversi dettagli importanti.

Magnetar producono lampi radio veloci?

Si pensa che la causa, almeno quella principale, dietro alla produzione di queste “esplosioni” energetiche risieda nelle magnetar. Le magnetar sono stelle di neutroni ancora più dense, piccole nelle dimensioni (in media sono grandi come una grossa città) ma con campi magnetici fortissimi, i più forti mai individuati nell’universo.

Raffica più potente di 122 lampi in neanche un’ora

Gli oltre 1650 lampi radio veloci sono stati dividua di grazie alle osservazioni radio effettuate dal FAST per un totale di 59,5 ore in un periodo di 47 giorni dal 29 agosto al 29 ottobre del 2019. La raffica più pesante è stata quella di 122 lampi radio veloci ricevuti in neanche un’ora, la raffica di lampi radio veloci più potente mai individuata come spiega Pei Wang, un ricercatore dell’Accademia cinese delle scienze (NAOC) impegnato nello studio.

Le due principali teorie dietro ai lampi radio veloci

Secondo Bing Zhang, ricercatore dell’UNLV e altro autore dello studio, le teorie che spiegano, almeno per ora, la provenienza dei lampi radio veloci sono due: secondo la prima sono prodotti dalle magnetosfere oppure all’interno del campo magnetico delle magnetar. C’è però un altro approccio secondo cui questi fenomeni inusuali dell’universo possono essere prodotti da shock relativistici all’esterno della stessa magnetosfera dalla quale poi schizzano fuori cominciando a viaggiare alla velocità della luce.

Fonte di lampi radio veloci FRB 121102 sempre più misteriosa

Secondo lo scienziato, i risultati raggiunti da queste osservazioni contrasterebbero con il secondo approccio: le esplosioni individuate sarebbero troppo frequenti e, provenendo dall’esterno del campo magnetico di una sola magnetar, ci vorrebbe troppa energia per spiegarle con il secondo approccio teorico.
Quello che è certo è che le incredibili raffiche provenienti dalla fonte FRB 121102, scoperta per la prima volta nel 2012 e considerata di natura extragalattica, rappresentano, ad oggi, uno dei fenomeni più misteriosi individuati dagli astronomi nel corso degli ultimi anni.

Note e approfondimenti

  1. A bimodal burst energy distribution of a repeating fast radio burst source | Nature (IA) (DOI: 10.1038/s41586-021-03878-5)

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Data articolo