Interfaccia cervello-computer converte lettere immaginate in testi a 90 caratteri al minuto

Nel corso degli esperimenti,il partecipante, che aveva la mano completamente paralizzata, si sforzava di immaginare di scrivere a mano un carattere alla volta. Il processo mentale veniva convertito dall'interfaccia in lettere reali sullo schermo (credito: doi: 10.1101/2020.07.01.183384 | bioRxiv)

Una nuova interfaccia cervello-computer che può decodificare le lettere immaginate inserendole sotto forma di testo digitale in uno schermo è stato sviluppato da un gruppo di ricerca che ha pubblicato il proprio studio su bioRxiv.
Questa nuova interfaccia intracorticale è capace, come riferito nell’abstract dello stesso studio, in particolare di decodificare i movimenti, immaginati solo nella mente, della scrittura effettuata a mano per convertirli in testo digitale in tempo reale.

L’interfaccia utilizza uno nuovo approccio di decodifica basato su una rete neurale.
I ricercatori hanno testato il nuovo dispositivo su un soggetto con una mano paralizzata. Nel corso degli esperimenti, il soggetto riusciva a battere lettere al computer solo immaginandole ad una velocità di 90 caratteri al minuto con un’accuratezza del 99%.

Si tratta di una velocità perfettamente paragonabile alla velocità di digitazione media di una persona normale nella stessa fascia di età (velocità media che è di 115 caratteri al minuto).
Si tratta di una nuova interfaccia che potrebbe rivelarsi molto utile soprattutto per le persone che hanno perso l’uso delle mani o la capacità di muoversi o parlare a seguito di una paralisi.

Non è folle, però, pensare che dispositivi del genere, che appartengono ad un settore che ha fatto progressi enormi negli ultimi anni, una volta migliorati ancora e una volta diventati ancora più fluidi e più facili da utilizzare, possano diventare mainstream e di utilizzo comune anche per le persone senza handicap.
Digitale con la mente, in effetti, potrebbe essere un perfetto sostituto non solo delle tastiere ma anche delle varie app e dei vari software di dettatura.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook