Irlanda vuol costruire parco eolico offshore più grande del mondo

Potrebbe essere considerato come il parco eolico offshore più grande del mondo quello proposto dal Dipartimento dell’Energia del governo irlandese. Le turbine sarebbero costruite al largo della costa di Waterford, nel sud dell’isola, e l’energia totale generata potrebbe essere compresa tra 600 MW e 1000 MW.
Il quantitativo di energia totale generato potrebbe dunque essere superiore a quello che è attualmente il più grande parco eolico offshore del mondo, costruito dal Regno Unito e denominato Walney Extension che genera 659 MW.

Il parco potrebbe vantare due tipi di turbine, una da 125 x 8 MW con un’altezza di 195 m e una da 50 x 12 MW con un’altezza di 260 m. Sarebbero non solo le turbine più alte al mondo ma anche le strutture più alte in territorio irlandese.
Il parco eolico potrebbe distare dalla costa solo 5 km. Potrebbe dunque essere il parco eolico offshore più vicino alla costa tra quelli mai costruiti considerando anche che la distanza media dalla costa per parchi eolici di questo tipo, almeno in Europa, è di 41 km. Questo perché le legislazioni spesso vietano di costruire strutture del genere troppo vicino alle coste.

Attualmente il Dipartimento dell’energia irlandese ha già presentato i propri piani per rilevare il sito. Non resta che condurre il sondaggio del territorio marino che vedrà lo scavo di 30 pozzi di prova profondi cinque metri.
Già gli ambientalisti si stanno facendo comunque sentire. Le turbine risulterebbero infatti troppo vicino alla costa e l’impatto visivo sarebbe significativo.

Ad esempio un rapporto del governo britannico del luglio di quest’anno rileva che i parchi eolici offshore che si trovano a meno di 13 km dalla costa non sono fattibili.
Inoltre il settore della pesca potrebbe essere molto colpito dallo sviluppo di strutture del genere così come è successo già al largo dell’Olanda dove i pescatori hanno notato rese molto più basse dell’attività dopo l’istallazione di turbine offshore.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook