Lanciato Eolus, primo satellite artificiale per studiare venti della Terra

Quello che può essere considerato come il primo satellite del mondo lanciato nello spazio per mappare il vento sulla Terra è stato messo in orbita con successo. Si chiama Aeolus ed è una satellite di rilevamento del vento dell’Agenzia Spaziale Europea, costruito da Airbus. Il satellite è stato lanciato con successo da Kourou, nella Guyana francese e si è assestato su un’orbita operativa a 320 km circa di altezza.

Il satellite orbiterà intorno alla Terra 15 volte al giorno e sarà capace di consegnare i dati rilevati entro 120 minuti. La missione dovrebbe durare tre anni.
Si tratta del primo satellite costruito espressamente per analizzare il vento sotto un profilo globale, su base giornaliera e quasi in tempo reale.

Pesa 1,4 tonnellate e presenta uno speciale strumento, denominato Aladin, che utilizza la tecnologia LIDAR (Light Detection And Ranging) per sfruttare l’effetto Doppler per determinare la velocità del vento su diverse altitudini.

Questo strumento, infatti, è capace di sparare un potente impulso laser all’ultravioletto il quale poi attraversa l’atmosfera raccogliendone la luce diffusa. Il flusso viene poi analizzato da ricevitori altamente sensibili che, determinandone lo spostamento Doppler, potranno acquisire dati affidabili sul vento su scala globale.

 

Fonti e approfondimenti



Condividi questo articolo

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”


Commenta per primo

Rispondi