Laser sui metalli per cambiarne superficie e per renderli idrorepellenti

Superficie metallica idrorepellente (credito immagine: University of Rochester/YouTube)

Una tecnologia che si basa sui laser per cambiare, in modi definiti come “incredibili”, la superficie dei metalli è stato sviluppato da un gruppo di ricercatori dell’Università di Rochester in collaborazione con la società tecnologica FemtoRoc Corp..
Come affermato anche da John Marciante, professore associato di ottica, coinvolto nella ricerca, si sta cercando di costruire un sistema laser ad alta potenza ultraveloce, che può funzionare alla scala dei femtosecondi e con una potenza che può essere misurata in kilowatt piuttosto che in pochi watt.Si tratta, dunque, di scalare di oltre un fattore di 10.

Già in precedenza Chunlei Guo, un professore di ottica, e Anatoliy Vorobyev, uno scienziato senior presso l’Institute of Optics, avevano scoperto che impulsi laser potenti e ultra bevi potevano cambiare, permanentemente, le superfici dei metalli. Nello specifico, riuscivano a creare superfici metalliche estremamente idrorepellenti, ma anche superfici metalliche che attraevano l’acqua. Con probità del genere, i possibili utilizzi, a livello commerciale e non, sono palesi, tuttavia la lentezza del processo rendeva il sistema non adatto per la diffusione, a livello commerciale.

In questo nuovo studio, Marciante i colleghi hanno sviluppato laser a fibra ottica avanzati che con una potenza maggiore ma la speranza è di sviluppare laser a femtosecondi più potenti e ancora più rapidi per velocizzare maggiormente il processo.
Un’altra sfida da affrontare è relativa al surriscaldamento: la stessa fibra, infatti, può scaldarsi troppo e può arrivare anche al punto di sciogliersi.
Secondo Marciante “Nessuno al mondo è stato in grado di fare questo tipo specifico di trattamento laser a femtosecondi su superfici metalliche. Avviare prodotti commerciali utilizzando questa tecnologia sarà un vero punto di svolta, un’opportunità unica per creare nuova scienza”.

Fonti e approfondimenti



Condividi questo articolo

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”


Commenta per primo

Rispondi