Latte magro fa invecchiare di meno rispetto a quello intero o più ricco di grassi

Bere latte magro può essere collegato a telomeri più lunghi nelle persone adulte e quindi ad un miglioramento della salute in generale e ad un invecchiamento minore: questo è il risultato spiegato nel comunicato stampa relativo ad una nuova ricerca pubblicata su Oxidative Medicine and Cellular Longevity, realizzata da Larry Tucker, professore di scienze motorie della Brigham Young University.

Il ricercatore ha infatti condotto uno studio analizzando i dati di 5834 adulti statunitensi in relazione alla loro abitudine di bere latte magro, quello con l’1% di grassi e quello scremato, confrontata con l’abitudine di bere invece solo latte intero (con il 2% di grassi o latte intero tradizionale).
Anzi, lo stesso ricercatore trovava differenza “sorprendente”: “Se hai intenzione di bere latte ricco di grassi, dovresti essere consapevole che farlo è predittivo o correlato ad alcune conseguenze significative.”

In particolare il ricercatore ha trovato una differenza nella lunghezza dei telomeri tra i due gruppi. Ha analizzato anche la frequenza di assunzione del latte, ossia tra i bevitori giornalieri e che assume latte solo in media una volta a settimana anche meno.
I telomeri possono essere considerati come dei “tappi” dei cromosomi umani e sono importanti perché fanno da “orologio biologico” delle cellule stesse. Sono inoltre molto correlati con l’avanzamento dell’invecchiamento in quanto ogni volta che viene una replicazione cellulare, i telomeri si rimpiccioliscono un po’. Le persone più anziane, infatti, hanno telomeri più corti.

Secondo i risultati conseguiti dai ricercatori, per ogni aumento dell’1% di grasso nel latte consumato, i telomeri risultavano più brevi di 69 coppie di basi negli adulti, qualcosa che è paragonabile a più di quattro anni di ulteriore invecchiamento biologico.
I bevitori “estremi” di latte, coloro che sostanzialmente consumano latte intero ogni giorno ed in buone quantità, mostravano telomeri addirittura più corti di 145 coppie di basi rispetto ai bevitori di latte senza grassi.
“Non è una brutta cosa bere latte”, riferisce lo stesso Tucker. “Dovresti solo essere più consapevole di quale tipo di latte stai bevendo.”

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook