Lattice è una delle cause dell’asma nei cavalli

Una scoperta definita come “sorprendente” finanziata dalla Morris Animal Foundation e fatta da ricercatori della Royal Agricultural University e dell’Università di Nottingham mostra che l’esposizione al lattice può creare gravi danni all’apparato respiratorio dei cavalli fino a rendere più grave la condizione di asma.

Gli stessi ricercatori, secondo i quali comunque ulteriori indagini andranno fatte, il lattice stesso potrebbe inoltre essere uno dei principali responsabili tra gli allergeni dell’asma equino grave (severe equine asthma, sEA), un grave disturbo dell’apparato respiratorio dei cavalli che al momento vede opzioni terapeutiche limitate.

Lo studio, pubblicato su Scientific Reports, si è basato sull’analisi di quasi 400 tra estratti e proteine varie collegate all’ambiente equino e sulle analisi di vari campioni di sangue di 138 cavalli provenienti da Francia, Stati Uniti, Svizzera e Canada.
I ricercatori hanno confermato che allergeni “classici” come polline, muffe e sostanze provenienti dagli insetti sono coinvolti nella sEA ma la scoperta più sorprendente è relativa al fatto che anche il lattice di gomma naturale può avere un ruolo in questa malattia.

Anzi, i ricercatori hanno scoperto che quattro dei cinque allergeni più significativi collegati a questa malattia dei cavalli erano rappresentati da proteine del lattice (il quinto era una proteina di Aspergillus fumigatus, un fungo di cui comunque già si conosceva il suo collegamento con la sEA).
Samuel White, professore della Nottingham Trent University nonché primo autore dell’articolo, così commenta i risultati: “La ricerca fino ad oggi ha generalmente implicato la presenza di funghi e batteri come allergeni predominanti associati alla sEA, quindi questo è stato un po ‘inaspettato. Avremo bisogno di saperne di più su come questi allergeni influenzano i cavalli realmente predisposti, ma evitare gli allergeni in lattice può comunque essere utile.”

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook