Lattobacilli delle vie urinarie femminili uccidono batteri patogeni vicini in laboratorio

Credito: S K Chavan, Shutterstock, ID: 1729082950

I lattobacilli che vivono nelle vie urinarie femminili si rivelano molto utili perché possono uccidere i batteri patogeni vicini secondo uno studio condotto dalla ricercatrice dell’Università dell’Alabama a Huntsville (UAH), Tanya Sysoeva. L’utilizzo dei batteri “buoni” per combattere quelli “cattivi” è una tecnica che viene presa sempre più in considerazione nel mondo scientifico per prevenire o anche trattare le infezioni del tratto urinario.

La Sysoeva spiega che il suo team si sta concentrando proprio su questo: trovare delle alternative alle più classiche terapie con antibiotici che sempre di più falliscono o diventano inutili. I batteri patogeni, infatti, possono sviluppare resistenza agli antibiotici. Il tratto urinario umano è dominato da batteri di diverse specie. L’insieme dei microrganismi che vivono nel tratto urinario viene definito come microbioma urinario oppure urobioma. L’urobioma può variare molto a seconda degli individui ma anche nel tempo. La sua stessa composizione, riferisce la Sysoeva, sembra comunque essere collegato alla salute dell’apparato urinario e a quella generale.

La ricercatrice spiega di aver scoperto che i lattobacilli prelevati da donne con infezioni delle vie urinarie ricorrenti possono uccidere i batteri patogeni, tra cui Escherichia coli e Klebsiella pneumoniae, in provetta. Ha anche scoperto che, solo in alcuni pazienti, i lattobacilli, considerabili come i batteri “buoni”, possono invece coesistere con quelli patogeni anche se la stessa ricercatrice ammette che non ne conosce ancora i motivi. Forse, in assenza di un’infezione attiva, i lattobacilli si limitano a tenere sotto controllo i batteri patogeni senza ucciderli. Oppure ci sono altri fattori in gioco non ancora scoperti.

“Forse i lattobacilli inibiscono gli agenti patogeni nella provetta ma non sono a distanza l’uno dall’altro nella vescica, o le condizioni della vescica non consentono loro di farlo perché influisce sul loro metabolismo”, spiega la ricercatrice. In ogni caso questo studio mostra quanto sia complesso il microbioma umano e quanto i batteri presenti nel nostro corpo possano innescare interazioni con le nostre cellule molto complesse. Quel che è certo è che ci vogliono ulteriori studi per capire come i lattobacilli colonizzano l’apparato urinario e quali tipi di lattobacilli resistono meglio alle invasioni dei batteri patogeni. Nuove scoperte potrebbero portare a nuove terapie più mirate per contrastare le infezioni delle vie urinarie ricorrenti.

Note e approfondimenti

  1. Female urinary tract lactobaccilli can kill pathogenic bacteria, UAH research shows
  2. Frontiers | Commensal Urinary Lactobacilli Inhibit Major Uropathogens In Vitro With Heterogeneity at Species and Strain Level (DOI: 10.3389/fcimb.2022.870603)

Articoli correlati


Condividi questo articolo

Disclaimer

Notizie scientifiche.it è un blog di notizie, non un sito di consigli medici. Leggi anche il disclaimer medico.

Dati articolo