Ecco le pile eterne che si ricaricano da sole tramite dispositivo da soffitto

Il CES 2018 continua a mostrare novità per quanto riguarda l’ambito tecnologico. Tra queste vi sono le Cota Forever Battery, speciali pile (all’apparenza sembrano banali pile stilo) capaci di ricaricarsi da sole tramite un dispositivo che si può montare banalmente nel controsoffitto, andandosi a nascondere completamente.
Si tratta della batteria dei sogni, ossia quella che non ha bisogno di essere sostituita, mai.

La tecnologia Cota ha suscitato un certo interesse tra i padiglioni del CES. Non si tratta di una novità assoluta in quanto a batterie ricaricabili tramite metodi wireless (già oggi esistono smartphone che possono essere ricaricati senza filo) ma la possibilità di pile utilizzabili praticamente ovunque, perché di forma standard, che si ricaricano da sole (non c’è neanche bisogno di avvicinarle al dispositivo irradiante), rappresenta di certo una novità assoluta.

Il dispositivo irradiante, denominato Cota Tile, nascosto sotto il soffitto e naturalmente collegato alla rete elettrica di casa, carica costantemente le batterie in casa ovunque esse si trovino, in un raggio di diversi metri.
Il sistema si serve di dozzine di minuscole antenne RF (montate sia sul sistema irradiante sotto il soffitto, sia nelle batterie) tramite le quali trasmette un segnale diretto e concentrato verso le pile sparse nei vari dispositivi della casa. Il sistema può caricare anche dispositivi in movimento, presenti in altre stanze (quindi dietro a uno o più muri) o anche a distanza di molti metri.

La scelta di utilizzare batterie dalla forma standard è certamente voluta: non si può, almeno ad oggi, rinunciare del tutto alle classiche batterie stilo, mini stilo, eccetera. Queste ultime sono utilizzate ancora da una miriade di gadget, dispositivi e quant’altro e quindi rinunciare a questi standard ad oggi è ancora fortemente sconsigliabile. Tuttavia questa nuova tecnologia apre nuove porte alla concetto di “batteria eterna”.

Fonti e approfondimenti



Condividi questo articolo

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”


Commenta per primo

Rispondi