L’incredibile video di una vespa parassita che si immerge per inserire uova nei bruchi

La vespa parassita Microgaster godzilla (credito: DOI: 10.3897/jhr.79.56162, Journal of Hymenoptera)
La vespa parassita Microgaster godzilla (credito: DOI: 10.3897/jhr.79.56162, Journal of Hymenoptera)

Viene definita come la prima testimonianza filmata di una vespa parassita che attacca un bruco sott’acqua quella raccolta da Jose Fernandez-Triana della Canadian National Collection of Insects e dal suo team durante una ricerca in Giappone. I ricercatori hanno usato la propria telecamera per registrare l’azione di una vespa parassitoide microgastrina che si immerge sotto il livello dell’acqua, restarci diversi secondi, tirare fuori un bruco, deporci le uova all’interno e rilasciarlo di nuovo nell’acqua. È la prima volta che un insetto del genere viene visto immergersi nell’acqua per compiere un’azione di parassitaggio.

Nel relativo studio, pubblicato sul Journal of Hymenoptera Research, viene riferito anche che la vespa parassita in questione è una specie nuova, appena identificata dagli stessi scienziati, i quali hanno scelto di darle un nome abbastanza azzeccato: Microgaster godzilla (famiglia Braconidae), in quanto la sua comparsa fuori dall’acqua ha ricordato agli stessi ricercatori il mostro giapponese Godzilla.

Durante il video questa vespa di genere femminile prima cammina sulle piante galleggianti sull’acqua in cerca di bruchi di falena nei quali poter inserire le proprie uova affinché le sue larve, una volta schiusesi le uova, possano parassitare il corpo dei bruchi stessi e quindi avere cibo nutriente a volontà fin dalla nascita. Questo genere di vespa preferisce le falene della specie Elophila turbata.
Quest’ultima, per tenere al sicuro le proprie larve vicino alla superficie dell’acqua, costruisce una sorta di piccola casetta con frammenti di queste piante acquatiche galleggianti.

Quando la vespa che deve depositare le uova trova la casetta con all’interno la larva di una falena di questa specie, prima la sonda ripetutamente con le antenne, poi costringe la larva della falena ad uscire dalla casetta e in quel momento introduce le proprie uova all’interno delle suo corpo in maniera alquanto rapida.
In alcuni casi la vespa riesce ad immergersi del tutto sott’acqua per diversi secondi onde bucare efficacemente la casetta di mamma falena e, con i propri artigli ricurvi, tipici di questa specie di vespa parassita, costringere la larva a uscire onde eseguire l’atto di ovodeposizione.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook