Liquirizia e pressione sanguigna, gli effetti scoperti nel nuovo studio

I ricercatori dell’Università di Linköping hanno fatto una scoperta rivoluzionaria sulla liquirizia, una delizia popolare in tutto il mondo. Tradizionalmente apprezzata per il suo sapore e le sue proprietà medicinali, è stato ora scoperto che la liquirizia aumenta la pressione sanguigna anche in piccole quantità. Il rapporto tra la stessa liquirizia e i livelli di pressione sanguigna era già conosciuto ma questo studio mostra che è molto più stretto di quanto mai calcolato in precedenza. Questa rivelazione è stata dettagliata in un recente studio pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition. [2] Lo studio fa luce sui potenziali rischi per la salute associati al consumo di liquirizia.

Lo studio

I ricercatori hanno selezionato un gruppo di 28 volontari sani, di età compresa tra i 18 e i 30 anni, evitando chiunque avesse una storia di problemi di salute significativi, tra cui ipertensione e malattie croniche. Questo gruppo diversificato è stato poi diviso, sottoposto a uno studio attentamente progettato che li ha visti consumare liquirizia o un prodotto di controllo in due periodi distinti.
Il regime giornaliero di ciascun partecipante prevedeva il consumo di liquirizia contenente esattamente 100 mg di acido glicirrizico, identificato come il composto controverso della liquirizia, in un contesto di rigoroso monitoraggio quotidiano della pressione sanguigna e valutazioni ormonali. Questo approccio non solo ha evidenziato gli effetti sottili ma significativi della liquirizia sulla pressione sanguigna, ma ha anche sottolineato la variabilità delle risposte individuali, dipingendo un quadro complesso delle sue implicazioni sulla salute. [2]

L’impatto nascosto della liquirizia sulla salute del cuore

Lo studio ha monitorato da vicino gli effetti della liquirizia su individui giovani e sani, scoprendo che anche il consumo quotidiano di piccole quantità, precedentemente considerate sicure, può aumentare la pressione sanguigna. Peder af Geijerstam, autore principale dello studio e dottorando, sottolinea la novità dei loro risultati, mostrando un chiaro aumento della pressione sanguigna dovuto a quantità di liquirizia che molti ritengono innocue. Lo studio ha inoltre identificato gli individui più sensibili alla liquirizia, che presentavano non solo un aumento della pressione sanguigna ma anche segni di aumento del carico di lavoro cardiaco. [1]

Invito alla cautela e a una migliore etichettatura

I risultati spingono a riconsiderare le linee guida e l’etichettatura degli alimenti contenenti liquirizia. Secondo Fredrik Nyström, professore coinvolto nello studio, è sempre più necessario essere più cauti con le raccomandazioni dietetiche riguardanti la liquirizia. I ricercatori sostengono un’etichettatura più rigorosa per aiutare i consumatori a comprendere meglio le potenziali implicazioni sulla salute. [1]

Un passo avanti nella consapevolezza nutrizionale

Questo studio, supportato da varie reti e fondazioni di ricerca, segna un passo significativo nella comprensione di come anche scelte alimentari apparentemente innocue possano avere un impatto sulla nostra salute. Rivelando i rischi nascosti del consumo di liquirizia, i ricercatori dell’Università di Linköping cercano di promuovere una maggiore consapevolezza e incoraggiare scelte più informate tra i consumatori.

Approfondimenti

  1. Small amounts of liquorice raise blood pressure – Linköping University
  2. A low dose of daily licorice intake affects renin, aldosterone, and home blood pressure in a randomized crossover trial – ScienceDirect (DOI: 10.1016/j.ajcnut.2024.01.011)
Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un blog di notizie, non un sito di consigli medici. Leggi anche il disclaimer medico.

Dati articolo