Livelli dei laghi si abbasseranno sempre più, ecco cosa accadrà al Mar Caspio

Gli studi prevedono una fase di forte essiccamento tra il 2080 e il 2099 nella regione in rosso (in rosso più marcato sono indicati i laghi di questa regione), che geograficamente coinvolge anche buona parte dell’Italia.
Nell’immagine “B”, le proiezioni dell’abbassamento del livello dell’acqua del Mar Caspio stimato tra 9 e 18 metri entro la fine di questo secolo (le regioni in rosso saranno quello i cui livelli si abbasseranno di più). A subire maggiormente le conseguenze saranno gli animali, tra cui la foca del Caspio, una specie endemica di questo lago (immagine “C”, foto di Susan Wilson).
Credito: DOI: 10.1038/s43247-020-00075-6 | Communications Earth & Environment)

I cambiamenti climatici in corso non stanno solo influenzando i mari ma anche gli specchi d’acqua come i laghi secondo un nuovo studio condotto da ricercatori provenienti da istituzioni dei Paesi Bassi. Se per i mari i livelli stanno aumentando, per i laghi si sta avendo l’effetto opposto: i livelli dell’acqua stanno diminuendo sempre di più e ciò sta causando problemi notevoli nonostante questi effetti non siano quasi mai trattati dai media, diversamente da quanto sta accadendo ai mari.

I ricercatori si sono interessati soprattutto al Mar Caspio, il più grande lago del mondo, una massa d’acqua che si sta riducendo in maniera drastica proprio a causa dei cambiamenti climatici in corso, come spiega Matthias Prange, ricercatore dell’Università Justus Liebig di Gießen, uno degli autori dello studio.
Spesso i rapporti climatici non menzionano neanche i laghi, ignorando le pur notevoli conseguenze a livello sociale che cambiamenti dei livelli di questi specchi d’acqua possono causare sulle regioni circostanti: “Questo deve cambiare. Abbiamo bisogno di più studi e una migliore comprensione delle conseguenze del riscaldamento globale in questa regione”, spiega il ricercatore.

Come per ogni lago del mondo, anche il livello dell’acqua del Mar Caspio è profondamente interconnesso con fenomeni climatici quali le precipitazioni e l’evaporazione nonché con l’afflusso dei fiumi, il più grande dei quali è il Volga. Il riscaldamento globale in corso sta causando un livello di evaporazione sempre maggiore e ciò sta portando a livelli dell’acqua sempre più bassi.
Questo lago è un bacino idrico molto importante per la regione e, grazie al suo contenuto molto alto di sale, anche un’importante risorsa commerciale.

I ricercatori stimano che il livello dell’acqua del Mar Caspio potrebbe scendere da 9 a 18 metri solo nel corso di questo secolo, qualcosa che andrebbe ad influenzare molto profondamente la biodiversità e gli habitat animali che scomparirebbero letteralmente. E questo senza contare tutti gli effetti che si avrebbero su attività come la pesca e tutte le attività collegate. Si tratta di un effetto che, in ogni caso, caratterizzerà la maggior parte dei grandi laghi del mondo con impatti che gli stessi ricercatori definiscono, nell’abstract dello studio, “devastanti”. Lo studio è stato pubblicato su Communications Earth & Environment.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Data articolo