Livello di resistenza al dolore misurabile tramite onde cerebrali

È possibile capire precisamente quanto siamo sensibili al dolore? Sì, secondo un team di ricercatori dell’Università di Birmingham che ha fatto un’interessante scoperta seguito di esperimenti sulle onde cerebrali.
Le onde cerebrali, infatti, nella maggior parte dei casi formano dei modelli e questi modelli possono essere riconoscibili. In particolare un modello di attività cerebrale, denominato “onde alfa”, risulta collegato in maniera molto stretta alla suscettibilità al dolore.

Queste onde, che oscillano tra 8 e 14 Hertz, possono essere naturalmente misurate e, secondo i propositi di ricercatori, che hanno pubblicato uno studio su Cerebral Cortex, possono essere usate abbastanza efficientemente come un indicatore del livello o della soglia del dolore.
I ricercatori hanno fatto gli esperimenti su 61 persone sane, sia donne che uomini, con età tra 21 e 42 anni. Le onde alfa venivano misurate tramite elettroencefalografia. I pazienti venivano sottoposti a due tipi di dolore e l’esperimento veniva ripetuto dopo otto settimane.
I ricercatori scoprivano che le onde alfa in effetti fornivano un’indicazione abbastanza affidabile della resistenza al dolore delle persone prese in esame.

Ma perché dover comprendere con più precisione la soglia del dolore di una persona? Lo spiega David Seminowicz, un ricercatore dell’Università del Maryland nonché altro autore dello studio: può rivelarsi importante in vari casi, ad esempio quando si deve prendere una decisione in relazione ad una terapia piuttosto che ad un’altra, ad esempio durante la riabilitazione a seguito di un’operazione chirurgica. Ci sono, infatti, varie tecniche per controllare il livello di dolore, dai farmaci a quelle a “psicologiche” come la meditazione.
Inoltre alcune persone, come spiega Ali Mazaheri, ricercatore di Birmingham e altro autore dello studio, possono essere a rischio di dolore cronico, una condizione che deve essere conosciuta approfonditamente onde fare la scelta più giusta per un trattamento.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook