Lucertole australiane mostrano insolita intelligenza già da piccole

Esemplari giovani di Tiliqua scincoides (credito: Martin Whiting)

Un gruppo di ricercatori ha analizzato il comportamento di una specie di lucertola, la lucertola orientale dalla lingua blu, endemica dell’Australia, facendo interessanti scoperte.
Questa lucertola (Tiliqua scincoides) è comune nella zona orientale australiana e può essere trovata sul suolo della boscaglia ma anche nelle aree suburbane.

La sua caratteristica principale sta nella sua lingua dai colori particolari: può variare dal blu brillante al blu scuro. L’animale inoltre tende a mostrarla spesso in maniera molto prominente per sibilare.
Gli adulti possono arrivare ad una lunghezza di 600 mm e possono vantare una pelle ricoperta da dure scaglie nonché un morso molto potente. Tuttavia i più piccoli, che non possono vantare ancora questa protezione ed un morso molto efficace, sono molto vulnerabili.

Inoltre, per un comportamento tipico di questa specie, i più piccoli non possono contare su alcuna protezione, neanche su quella dei genitori.
Ciò significa che devono contare soprattutto su se stessi e sul proprio livello di intelligenza.

È proprio riguardo a questa caratteristica che i ricercatori Birgit Szabo e Martin Whiting della Macquarie University, Australia, coadiuvati da colleghi di altre università, hanno fatto il proprio studio mettendo in luce quanto possano essere intelligenti fin dalla tenera età.

I ricercatori hanno eseguito esperimenti su vari adulti e su vari giovani esemplari di queste lucertole. Gli esemplari più giovani aveva un’età compresa tra 26 e 56 giorni.
In tutti i test gli esemplari più giovani, anche quelli nati da poche settimane, dimostravano lo stesso livello di intelligenza e di intraprendenza degli adulti e ciò conferma il fatto che questa lucertola impara tutto ciò che serve per sopravvivere già dai primissimi giorni e sostanzialmente senza l’apporto degli adulti.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo


Resta aggiornato su Facebook

Commenta per primo